Filmworks: la musica per immagini di Alberto Turra

NoteVerticali.it_Alberto_Turra

NoteVerticali.it_Alberto_Turra_Filmworks_coverAlberto è così, gli ho visto spaccare il volante di un furgone perché in radio passavano un pezzo dei Police suonato dalla filarmonica greca. La volta che ci siamo presentati mi disse: mi piace Stevie, Muddy e Vernon Reid. Ci siamo abbracciati.” (Ago Panini, regista, fotografo, bassista)

Definire Alberto Turra solo un musicista sarebbe non solo riduttivo, ma oserei dire quasi blasfemo. Questo non perché il termine musicista sia discriminante, anzi, ma perché Alberto è un artista completo, un’anima che non si ferma alla musica convenzionale, ma ha uno spirito da viaggiatore, un viaggiatore dei sensi e del movimento.

Chitarrista, arrangiatore, improvvisatore e compositore, capace di fondere la creatività con l’arte improvvista, il jazz e il rock, il tutto in modo molto personale. Dal 2010 al 2014 è direttore artistico della stagione musicale del Teatro Binario 7 di Monza, Terra!-la musica al Binario7. Alcune sue composizioni per la danza contemporanea sono state suonate al Royal Opera House-Covent Garden di Londra.

NoteVerticali.it_Alberto_TurraIl 24 gennaio esce il suo album “Filmworks” che raccoglie la sua musica per immagini. Essa, usata in svariati ambiti e definibile come multiforme, dal teatro, al cinema, alla danza, le sue melodie si adattano in piena armonia a seconda della destinazione affidata. Un album non semplice da organizzare, specialmente per la formazione della scaletta, spiega Turra, questo perché i brani provengono da mondi lontani tra di loro e, inserirli in un unico album e la cernita di esse “è stato emotivamente un incubo” così ne parla l’artista.

Un esempio della musica di Alberto Turra lo possiamo trovare in “La città in movimento”, un cortometraggio su Milano vista attraverso i finestrini dei mezzi pubblici, scritto e diretto da Ago Panini, con la voce di Giuseppe Cederna e musiche del “nostro” Alberto.

Un’artista, un uomo che ama la musica e il suo lavoro, ci aspetta dal 24 gennaio con il suo album.

ALBERTO TURRA – La città e il movimento