Fuzz Days: gli Sportivi suonano e lo fanno bene

noteverticali.it_glisportivi_fuzzdays_cover

Nuovo disco per il duo blues rock veneto che, riprendendo le orme di Black Keys e Bud Spencer Blues Explosion, riesce a andare oltre

noteverticali.it_glisportivi_fuzzdays_coverI Black Keys italiani vivono vicino a Venezia e fanno un casino tremendo. Si chiamano Gli Sportivi e probabilmente sono stanchi di sentirsi paragonare al duo americano. Ma la formazione è la stessa (chitarra e batteria) e anche il genere di riferimento, anche se qui la questione si fa più complicata. Perché in questo fantastico Fuzz Days, Lorenzo Petri e Nicola Zanetti fanno miracoli e superano con agilità quell’etichetta che li vorrebbe come un classico duo di blues’n’roll.

Certo, qualcuno potrebbe dire che in Italia abbiamo già avuto i Bud Spencer Blues Explosion e che potevamo accontentarci, ma gli Sportivi sono diversi. Innanzitutto, perché cantano in inglese; in secondo luogo, perché pescano a piene mani anche da altri repertori .

Il blues c’è, e anche in maniera massiccia, ma il duo fugge spesso e volentieri dalle atmosfere disperatamente underground del genere per spaziare oltre. Penso ad esempio a Diamond, che non ha nulla da invidiare alla penna del Chris Cornell dei Soundgarden; oppure a Candy Apple Dream, che sembra suonata dai Queen in pieno trip da acido; o ancora, ai paranoici intermezzi di Henry Miller (The Serial Killer) che paiono rubati dai Nirvana di In Utero. Inoltre non manca neanche una certa attitudine psicotica, come testimoniato dalla già citata Henry Miller (che non si capisce se faccia riferimento allo scrittore o a qualche sconosciuto serial killer) e dal furioso psychobilly di The Mad Chopper, il cui titolo (“l’elicottero pazzo”), googlandolo, rimanda ad un libro sullo stupratore seriale Larry Singleton.

I pezzi strumentali sono quelli più canonici e hanno come principale funzione quella di divertire. C’è il folle intro di Crazy Cow, in cui la chitarra elettrica riproduce con la distorsione il muggito di una mucca impazzita a ritmo di garage; o l’epica chiusura di It’s All Over, in cui un ridondante riff ci accompagna verso la fine su uno slow-blues  che ha come unico difetto quello di durare troppo poco. Il tutto registrato in presa diretta. Che dire. Non ci resta altro che ringraziare questi Sportivi per essersi dedicati più alla musica che all’attività fisica.

GLI SPORTIVI – Fuzz Days (teaser)

 

FUZZ DAYS, Gli Sportivi, 2016. Chitarra: Lorenzo Petri – Batteria: Nicola Zanetti