Pino Daniele, parlanno ‘e libertà…

20150105-101957-37197054.jpg

Idealista e visionario, forse un pazzo, forse un poeta, ama l'arte come la vita, con disincanto, sogno e poesia...

Difficile ricordare Pino Daniele in poche righe. Proviamo a farlo con le sue stesse parole, quelle di un ragazzo di vent’anni che, camminando per le strade di Napoli, parla di libertà e si commuove pensando al tempo che se ne va…
Ciao Pino, ci hai emozionato e continuerai a farlo, volerai leggero per sempre con la tua musica senza tempo…

Chiove ‘ncoppa a ‘sti palazze scure
‘Ncoppa ‘e mure fracete d’a casa mia
Tutt’attuorno l’aria addora ‘e ‘nfuso
Chi song’io
E cammine ‘mmiezo ‘a via
Parlanno ‘e libertà…

Stà durmenno senza tiempo
‘Nu ricordo ca nun penzo cchiù
Ma che succede io sto’ chiagnenno
Penzanno a ‘o tiempo ca se ne va
E cammine ‘mmiezo ‘a via
Parlanno ‘e libertà.

(Pino Daniele, 1976)