Love: Giovanni Allevi racconta l’amore a tutto tondo

Noteverticali.it_GiovanniAllevi_3

Noteverticali.it_GiovanniAllevi_2Tredici brani, che raccontano l’amore e tutte le sue sfaccettature, nel modo più semplice e minimalista. Questo è Love, nono album di Giovanni Allevi. Con il lavoro, il compositore, pianista e direttore d’orchestra vuole raccontarci l’amore puro, quello passionale, quello sacro e quello che sembra essere il più difficile da raggiungere: quello verso se stessi.

L’album, su etichetta Sony Music, si apre con Yuzen: l’impressione è fin da subito quella di una danza passionale e coinvolgente che segue l’andamento delle emozioni con un alternarsi di un ritmo più tiepido ad uno più deciso e serrato. Segue poi Loving You, brano presentato a Sanremo 2015, dove è stato ospite, e in cui il suono sembra quasi farsi più dolce e delicato, romantico, anche se a tratti nostalgico. Il brano successivo, Amore Sacro, si apre con una melodia molto più forte e serrata rispetto alle precedenti. Allevi spinge i tasti del suo piano con decisione e rigore, quasi a ricordarci che l’amore sacro esiste e deve essere rispettato, senza mai cadere, però, nella sottomissione. Quarta traccia è Asteroid 111561 che, come il titolo suggerisce, attraverso la sua composizione molto variegata, riesce a regalarci l’illusione di danzare leggeri nello spazio.

In The Other Side Of Me Allevi cerca di esplorare i lati più nascosti e complessi del suo io, e lo fa con un ritmo incalzante e coinvolgente. Segue La stanza dei giochi, una dolce melodia, a tratti nostalgica che richiama i ricordi di un tempo ormai passato. It Doesn’t Work, in italiano “non funziona”, è forse la composizione più vivace e meno sentimentale dell’album, che richiama l’amore per le cose più difficili, che richiedono anche una piccola sfida con se stessi. Lovers è invece una ballata molto dolce e coinvolgente: è inevitabile pensare all’amore di due amanti che si donano incondizionatamente l’uno all’altro. In My Family Allevi fa parlare il sentimento, a tratti fanciullesco, verso la sua famiglia. Asian Eyes risulta essere fin da subito la traccia più struggente di tutto il suo lavoro: il suono del piano coinvolge ed avvolge. Si torna a ritmi più vivaci, a tratti divertenti in Come With Me, forse per smorzare un po’ le forti emozioni che suscita il brano precedente.

Noteverticali.it_GiovanniAllevi_1La dodicesima traccia, Sweetie Pie, ci riporta in un’atmosfera magica e dolcissima, quasi a ricordarci che stiamo per raggiungere la fine di questo viaggio che si chiude con L’albatros, brano ispirato alla omonima poesia di Charles Baudelaire, risulta più complesso delle altre tracce fin dalle prime note, ma poi la melodia si apre, proprio come le ali di un uccello che spicca il volo e che sovrasta un cielo sereno con la sua eleganza.

GIOVANNI ALLEVI – LOVING YOU

       

Giovanni Allevi – Love (Sony Music). Genere: Musica Classica Contemporanea. Tipo album: Studio. Pubblicazione: 20 Gennaio 2015. Dischi: 1 – Tracce: 13.