Make Like a Tree: Animal e il libero arieggiare tra melodie dimenticate

NoteVerticali.it_Sergij_Onyshhenko

Federico Mattioni, rapportando la vita e i sensi al cinema, sta tentando di costruire un impero del piacere per mezzo della fruizione e della diffusione delle immagini, delle parole, dei concetti. Adora il Cinema, la Musica e la Letteratura, a tal punto da decidere d'immergervi dentro anche l'anima, canalizzando l'energia da trasformare in fuoco, lo stesso ardere che profonde da tempo immemore nelle ammalianti entità femminili.

NoteVerticali.it_Makelikeatree_Animal

Disco d’esordio per il cantautore ucraino che, in otto originalissime tracce, veste di notevole intensità emozioni al gusto di folk spirituale…

Sergej Onischenko, in arte Make Like A Tree, un giorno del 2013 decide di partire dalla sua Ucraina per vagabondare nel mondo, visitare luoghi sperduti di zone isolate solitamente non segnalati sulle cartine geografiche, conoscere persone appartenenti a culture differenti ed apprendere il meglio imbracciando la sua chitarra. Animal, suo disco d’esordio pubblicato il 3 dicembre, è il frutto delle persone incontrate nel corso di queste peregrinazioni di culto, che gli fanno apprendere quel che basta per tirarci fuori una bella manciata di canzoni, favolosamente incastonate fra le influenze del folk americano e di quello europeo.

Quello di Onischenko è un folk spirituale che attecchisce radici su un suolo sacro, fatto di ricerca sonora dello spirito, di vibrazioni appartenenti quasi ad altre dimensioni, ad altri mondi purtroppo lontani da quelli metropolitani, altamente consumistici. Il suono di Make Like A Tree ti accarezza lasciandoti lì ad oscillare sulle gentili corde della meraviglia.

MAKE LIKE A TREE – HAPPY B SONG

Atmosfera pervasa di armonia con la natura e col creato evidente già nella caracollante Happy B Song, tratteggiata magnificamente da variabili jazz su note acustiche a bordo di un sax lontano eppure vicino, d’invasionismo struggente; è tutto un sondare, un solitario accarezzarsi, soffiare dentro mentre si è in preda del vento, leggiadro e a momenti funesto, indimenticabile nel suo spossessarsi della forza d’animo che è l’ultima a cedere agli ordini del tempo, perciò è uno dei brani più belli di questa straordinaria annata musicale.

NoteVerticali.it_Sergij_OnyshhenkoNella seconda traccia si penetra nel cuore dell’anima del lavoro, con la magica Hey Ocean cantata nella sua lingua nativa, a bordo di un’acustica distensiva, tanto da dare veramente la sensazione di essere distesi su un oceano di mare senza sentirne la superficie d’acqua. Onischenko osa fare questo, ci accarezza di una brezza tutta sua. La sua calda voce ci fa sentire parte del suo mondo in modo sempre più convincente, quando decide di esprimersi in modalità “lapsteel” con la successiva Future Friends che come in un filo diretto e interconnesso si collega al brano che offre il titolo al disco, l’acustica apparentemente sottotono di Animal.

NoteVerticali.it_Make Like A TreeIl respiro pacato e riflessivo di Birdwatching è poi il punto nevralgico, dove ci arrivano tutte le sonorità che trasformano “Animal” in un viaggio improvviso e dai tratti sconvolgenti dentro l’anima di altre culture, dell’antropologia del mondo. Sta tutto nelle dita di Onischenko, arpeggianti suadenti le corde della chitarra. Il cinguettìo degli uccelli e il suono del mare, infine, ballano con la potenza della natura, sconfinando in My Grandma, dalle eco alto-psichedeliche, voci che si rincorrono, per poi, fiere, ritrovarsi. Della chiusura quasi pop con Cosmic Setter, Compact Substance e Anna Denisova (comunque una calda voce femminile che interviene proprio sul finale), per Some Day e Letter to Marcus Aurelius, quasi non se ne sentiva il bisogno, ma si sa che questo è solo l’inizio di un lungo percorso che sarà certo ricco di sorprese.

Make Like A Tree piace quando arieggia libero su melodie e sonorità che credevamo quasi di aver dimenticato, o forse non abbiamo mai veramente toccato.

 

Make Like A Tree – Animal 

  1. Happy B Song
  2. Hey Ocean
  3. Future Friends
  4. Animal
  5. Birdwatcher
  6. My Grandma
  7. Some Day (feat The Cosmic Setter)
  8. Letters To Marcus Aurelius (feat Compact Substance & Anna Denisova)

NoteVerticali.it_Onischenko_Nature