VULCANO: IL NUOVO ESPLOSIVO SINGOLO DI FRANCESCA MICHIELIN

20170721-010109-3669550.jpg

Siciliana DOC, laureata in Comunicazione, non riesce a staccarsi da Roma nonostante tutte le contraddizioni e i problemi. Ama l'arte in tutte le forme espressive e adora leggere. E' alla ricerca di un po' di equilibrio

“Lo definisco un up tempo magmatico, viscerale e caldo, e insieme elettrico e urban.”
(Francesca Michielin)

S’intitola Vulcano il nuovo singolo di Francesca Michielin che anticipa l’album (blindatissimo al momento) in uscita il prossimo autunno.
Con Vulcano Francesca si racconta in maniera nuova e inedita, si tratta infatti di un pezzo viscerale e istintivo sia nel testo sia nelle sonorità, in cui parla di sé senza più filtri né sovrastrutture. Diretta e immediata descrive la sua crescita artistica attraverso vertigini, paure, passioni e progetti.

La cellula V è costante, predominante nell’intero pezzo, un bit che si ripete come una pulsazione, come a indicare il cuore vibrante di un vulcano. Nel testo si rincorrono spesso parole che iniziano con la lettera V: verità, volontà, vanità, volume, vertigine, vagare, vuoto, viaggiare, che rimandano a diverse figure, pensieri e stati d’animo. Parole che la Michielin ha scelto proprio perché, secondo lei, rappresentano quel vulcano interiore che ciascuno si porta dentro.
Dal punto di vista sonoro e musicale, la continuità con il passato è mantenuta nella base elettronica del brano che viene qui resa più minimal, mescolata e addolcita ai suoni caldi e tribali delle percussioni, ai giri di basso e pianoforte che evocano il ribollire della lava in contrasto con gli accenti esplosivi di ottoni e arpeggi che rimandano allo schizzare dei lapilli incandescenti, mentre la produzione vocale è essenziale e diretta.

Il video, firmato da Giacomo Triglia, è stato girato in poche ore e in notturna a Berlino. La scena è urbana, il contrasto tra buio e luce segue e accompagna l’atmosfera in chiaroscuro del brano, il plot è semplice, fluido. Incontri e momenti di vita in cui anche le comparse sono persone che si trovavano lì in quel momento, una narrazione “istintiva” volta a rispecchiare lo spirito del pezzo.
Rispetto al nuovo album, Francesca Michielin non svela nulla, nemmeno il titolo che rimane segretissimo, tuttavia spiega che sarà un lavoro strettamente individuale, privato anche nella scelta dei testi, musica e arrangiamenti. “Vissuto in prima persona al 100%”.

Vulcano sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali e in rotazione radiofonica a partire dal 21 Luglio

TAGS: musica, Francesca Michielin, Vulcano, elettronica, urban, minimal, Giacomo Triglia, Berlino