Ischia Film Festival: Lina Sastri e l’omaggio a Pasquale Squitieri

NoteVerticali.it_Lina Sastri

NoteVerticali.it_Pasquale SquitieriQuella di ieri è stata una serata davvero speciale il cui protagonista indiscusso ha un solo nome: Pasquale Squitieri. Attraverso un videomessaggio, ha rivelato che un incidente contro un guardrail, gli ha procurato la perdita di alcuni denti e la rottura della gamba. Solo per questo motivo, il grande regista di Li chiamarono…Briganti! non si è presentato di persona al festival nonostante avesse fatto di tutto per esserci. Ci tiene però a precisare che questo incontro è solo rinviato,e che non vede l’ora di poter parlare con chi come lui, ama il cinema. Nonostante il dolore e la sofferenza per l’incidente, Squitieri ha voluto comunque regalare al pubblico del festival, una anticipazione del suo prossimo progetto. Sarà un racconto su Napoli. Una storia che ponga in luce lo splendore raggiunto da questa città tra l’800 e il ‘900. Inoltre ha accennato la storia del suo prossimo lavoro cinematografico Sono scugnizzo racconto di un ragazzo della Nunziata che diventa uno dei più grandi scultori del mondo. Per omaggiare ulteriormente la grandezza del regista napoletano,è stato proiettato ieri nella Cattedrale dell’Assunta appunto Li chiamarono…Briganti!, l’opera con cui Squitieri ha cercato di portare sullo schermo la verità di un periodo tra i più bui della storia italiana, quello del “brigantaggio”. Questo fenomeno, altro non è che lo sterminio di massa del popolo del Sud Italia ad opera dell’esercito sabaudo che si definiva “liberatore”.

NoteVerticali.it_Lina SastriAd accompagnarne la visione sono saliti sul palco Enrico Lo Verso e Lina Sastri protagonisti di quel lungometraggio. La stessa Lina Sastri racconta che quel film sparì subito dalle sale, e che era davvero impossibile trovarlo anche per vederlo a casa. Indubbiamente con il suo lavoro Squitieri aveva pestato i piedi ai poteri forti tanto che non veniva nemmeno trasmesso in tv. Per l’ostruzionismo di cui è stato vittima, il film non ha avuto il successo che meritava e questo è un grandissimo rimpianto. Lo Verso che interpreta Carmine Crocco ricorda con amarezza che i manifesti e il trailer uscirono a film già bandito dalle sale. La programmazione fu letteralmente boicottata e durò tre giorni. Nonostante le prove che Squitieri aveva per dimostrare che il suo film era stato boicottato, nulla potè contro un sistema più grande di lui. Ma lottò e anche con coraggio.

Questa sera invece, sarà Leopoldo Mastelloni suo amico,a ritirare per lui il Premio Ischia Film Award alla Carriera. La cerimonia di premiazione si svolgerà in Cattedrale dell’Assunta dalle ore 21.00. Contemporaneamente, dalle 21.00 in poi il pubblico potrà assistere in Piazza d’Armi alle proiezioni in sequenza dei film vincitori del Concorso di quest’anno, per le categorie: Cortometraggi, Documentari, Location Negata e Miglior Regia.