Penultimo Valzer: scorci sulla musica del passato prossimo /1

20160109-231625-83785229.jpg

In questo primo appuntamento ricordiamo Marvin Gaye, la carica esplosiva dei Big Bad Voodoo Daddy e i mitici Beatles, che nel 1965 sbarcarono in Italia

MARVIN GAYE – Sexual Healing

Se è vero che dal letame nascono i fiori, come cantava qualcuno che mi è molto caro, questa canzone ne è la dimostrazione inoppugnabile. Marvin Gaye aveva una poco nobile inclinazione, del tutto inaspettata data l’indubbia classe della sua figura: collezionava riviste pornografiche. Ci fu chi gli disse “avresti bisogno di una cura sessuale”, e queste ultime due parole diventarono il titolo di un suo imperdibile hit, che nel 1982, proprio in questi giorni, sbancava le classifiche del mondo.

 

BIG BAD VOODOO DADDY – Diga Diga Do

Se qualcuno ha voglia di ballare, questo pezzo potrebbe fae al caso suo. Se non vedessimo le immagini e ci limitassimo ad ascoltare la musica, “Diga Diga Do” sembrerebbe la riproduzione incomprensibilmente perfetta di una ballroom nei lontani anni trenta e quaranta. Big Bad Voodoo Daddy è una band di culto negli USA, che combina vitalità, classe e ironia come pochissimi altri al mondo. Scotty Morris, il suo fondatore, californiano di Ventura (qualcuno ricorda la Ventura Highway degli America?), decise per questo nome dopo avere partecipato da un ragazzo a un concerto del chitarrista blues Albert Collins, che al termine della serata gli firmò il suo poster con quelle parole. Scotty non ebbe il problema di non lavarsi più le mani per una settimana dopo averla stretta al grande bluesman (capitò per esempio al mio più giovane fratello quando ebbe modo di stringere la mano al gentilissimo Peter Erskine, uno dei migliori batteristi al mondo, che si era fermato a fare quattro parole con noi e qualche altro spettatore dopo la performance dell’orchestra di Stan Kenton), ma conservò quel poster come uno dei più bei ricordi della sua vita e decise sui due piedi il nome della sua futura band. Che la gioia sia uno degli stati dell’animo più frequentemente espessi in musica non c’è dubbio alcuno, e questo video è lì a testimoniarlo.

1965 – I BEATLES IN ITALIA

Nel 2015 è caduto il 50° anniversario del concerto che i Beatles tennero al Palasport di Genova nel lontano 1965. Oggi forse la cosa soprenderà qualcuno, ma i numeri della partecipazione non furono quelli che istintivamente potremmo legare alla periodo: 5.000 persone al pomeriggio, qualcosa in più la sera. Molte ragazzine in platea, per lo più accompagnate dalle mamme (non oso pensare se solo le mamme ci provassero, oggi), per un evento “storico” la cui importanza non venne colta immediatamente. C’era mia sorella, quel giorno, e ancora oggi trovo questo un ottimo motivo per tenerle il broncio: io avevo dieci anni ed ero già affetto da beatlemania, ma non mi portò. Queste le immagini del concerto al Vigorelli di Milano.