Ritorno al futuro: trent’anni fa il viaggio verso il 2015, dalla fantasia alla realtà

NoteVerticali.it_RitornoAlFuturo_2

NoteVerticali.it_RitornoAlFuturo_2Se dovessimo tornare al passato per un solo giorno, quale scegliere? Facile. Chiudere gli occhi, un pizzico di nostalgia e automaticamente catapultiamo la nostra mente indietro di quanti anni vogliamo. Ma se dovessimo ri-tornare al futuro? Precisamente al 21 ottobre del 2015? Cosa vedremmo? Chi troveremmo al nostro fianco o intorno a noi? In quale epoca ci catapulteremmo? Sarebbe veramente così diverso rispetto al presente? Un po’ sì e un po’ no, a dire il vero. Ce lo possono confermare i due personaggi protagonisti della celebre saga di “Ritorno al futuro“, diretta da Robert Zemeckis e prodotta nientemeno che da un genio della settima arte come Steven Spielberg. Altrettanto celebre e ricordato negli anni è il momento in cui Doc e Marty, rispettivamente Christopher Lloyd e Michael J. Fox, dal lontano 26 ottobre 1985, viaggiano nel tempo fino a toccare la data odierna, 21 ottobre 2015. Un futuro strambo, incompreso ai loro occhi, immerso completamente in una tecnologia ormai padrona indiscussa di quei giorni futuri che oggi sono arrivati. E, diciamocelo, il futuro immaginario che la macchina del tempo di Doc riesce a toccare non è tanto diverso rispetto al tempo di oggi, al presente in cui viviamo. Alcune delle invenzioni della pellicola, e che Doc e Marty avranno modo di osservare più da vicino, risultano ingegni alcuni oggi realizzati, altri immaginati, e altri ancora superati dalla realtà stessa. Ne è un chiaro esempio l’Hoverboard, la tavola da skateboard che fluttua nell’aria, di cui sono stati realizzati alcuni prototipi senza però confermarne ancora la funzionalità.

NoteVerticali.it_RitornoAlFuturo_1Lo sviluppo di efficienti social network nel film, in cui possiamo verificare informazioni personali, foto, video e testi di nostra proprietà, una sorta di Facebook di oggi. Possiamo ancora andare avanti analizzando la scena in cui Marty vede dall’esterno le sembianze di un cinema in 3D, nella realtà di oggi una vera potenza commerciale estesa in tutto il mondo; il fax, attualmente surclassato dalle numerose tecnologie che ci permettono di tenerci in contatto ad ogni ora del giorno coi nostri cari, amici e vicini; o ancora il fenomeno dell’intelligenza artificiale all’interno del film, realizzato ed efficiente in alcune parti del Giappone. È anche vero, però, che l’immaginazione del film trova spazio verso altri fronti: come ad esempio il vestiario.

NoteVerticali.it_RitornoAlFuturo_8Non abbiamo ancora a che fare con le famigerate scarpe intelligenti che si adattano alle esigenze del nostro corpo, come quelle che indossa McFly, ma osservando la nostra tecnologia fare passi da gigante ogni giorno che passa, potrebbe essere per alcuni fan sfegatati un sogno che presto diventerà realtà. Gli occhiali intelligenti, equipaggiati sempre da Marty, un vero apparecchio innovativo prossimo alla realizzazione; o ancora il lettore di impronte digitali, sperimentato sempre più a fondo nei telefoni di oggi. Insomma, quello che oggi viene considerato il Ritorno Al Futuro Day, festeggiato da tutti i fan della saga in tutto il mondo (in particolare negli Stati Uniti, a cui hanno simpaticamente dedicato la prima pagina dell’USA Today del film originale), non è solo un giorno di festa per cinefili ed interessati, ma anche un’attenta riflessione verso noi stessi, le nostre capacità di evoluzione, il nostro genio e la nostra stessa umanità in continuo sviluppo, sempre più tendente ad una tecnologia utile quanto invasiva.

NoteVerticali.it_RitornoAlFuturo_3Una tecnologia che, oggi, è presa in considerazione come un mondo avanguardistico, quasi immaginario, avanti nel tempo e nello spazio e, in un prossimo futuro, forse anche più di noi stessi. Che sia il segnale di una bizzarra fantasia in cui rischiamo di caderci per poi non tornare più indietro? O forse dovremmo fare come Marty e Doc: dare una semplice occhiata a ciò che ci aspetta per cambiare le nostre sorti?

Un film, una saga, un’idea, quella di Ritorno al futuro, che fa riflettere su numerosi quesiti di cui, un domani, probabilmente troveremo una risposta.

RITORNO AL FUTURO – IL VIAGGIO NEL 2015