The Kolors: nuovo video, ed è subito successo

20150920-170110-61270013.jpg

20150920-170621-61581489.jpg
Il momento che tutti i fans dei The Kolors attendevano è finalmente arrivato. Oggi alle 18.30 in radiovisione su Rtl è stato ufficialmente trasmesso il video di “Why don’t you love me” il nuovo ed esplosivo singolo della band napoletana. Un brano che molti già conoscevano e avevano apprezzato nel corso della permanenza della band ad “Amici”. Il video è stato interamente girato a Berlino e vede tra le protagoniste la bellissima Barbara Snellenburg nel ruolo di una madre che di fatto “ruba” il fidanzato alla sua stessa figlia. La scelta del tema è quasi cinematografica e Stash e co non se la cavano affatto male come attori. Berlino è stata invece scelta per dare un carattere internazionale e infatti le parti recitate, sono interamente in inglese. Per quanto riguarda il brano, ci troviamo praticamente di fronte ad un pezzo ricco di sonorità anni 80. Il ritmo è veloce e cattura al primo ascolto. Il tutto è accompagnato dalla immancabile chitarra elettrica che ti mette in pace col mondo. Anche stavolta i The Kolors hanno fatto centro proponendoci un brano completamente diverso e di fatto sorprendendoci. Reduci dal successo del loro secondo album “Out” Stash, Daniele e Alex, hanno regalato un pomeriggio di chiacchiere e curiosità agli ascoltatori di Rtl, descrivendo sensazioni e progetti futuri di una band che di fatto è stata la rivelazione dell’estate. Tre dischi di platino, concerti ovunque sold out e sopratutto la copertina di una magazine importante come il Rolling Stone. Un’estate che lo stesso Stash ha definito attraverso il suo profilo Facebook, come la più bella della sua vita. Era da tempo che in Italia, non si assisteva ad un successo di questa portata e questa è la conferma che il fenomeno talent non va affatto trascurato. Il tour ha toccato le principali città italiane e si è concluso la settimana scorsa a Langhirano a detta di tutti, una delle date più belle del tour. Lo stesso Stash ha raccontato nel corso della diretta che quella data è stata una delle migliori sopratutto perchè molti dei brani cantati, nascevano da una improvvisazione. I presenti dunque hanno potuto ascoltare pezzi di Battisti e di altri grandi artisti italiani. Ancora una volta i The Kolors quindi hanno colpito pubblico e critica, per la loro versatilità e sopratutto per la presenza scenica di un frontman accattivante come non se ne vedevano da tempo. Insomma Stash a voce,aspetto e numeri giusti per rimanere nella storia. Inoltre è di pochi giorni fa la notizia che i The Kolors sono la quinta band candidata agli MTVEMA come Best Italian Act un traguardo sensazionale per una band così giovane. L’11 settembre poi i The Kolors hanno avuto l’onore di aprire la serie di concerti live all’arena dell’EXPO di Milano. Un concerto strepitoso che ha raccolto oltre diecimila persone e che è valso alla band un’intervista da parte di una tv cinese. Un altro dei progetti che i ragazzi hanno svelato nel corso della diretta a Rtl, è stato il concerto organizzato da Elisa a Cividale per il 27 settembre. Tanti programmi a breve termine quindi ma Stash tranquillizza i fans affermando che sta già lavorando a molti brani. Presumibilmente quindi non dovremmo aspettare tanto prima di ascoltare un nuovo album. Forse quello che colpisce di più del fenomeno The Kolors è il background. Ci troviamo di fronte a dei ragazzi giovani ma con conoscenze musicali approfondite e vaste che spaziano dal funky al soul per passare all’urban punk. Infatti lo stesso Stash afferma che ai live ci sono moltissimi genitori che accompagnano i propri figli e che avvertono le sonorità dei loro tempi. Questo come molti altri aspetti non fa che confermare che quello dei The Kolors non è un fenomeno passeggero. Questi tre ragazzi umili, simpatici e musicalmente preparatissimi hanno davvero tutte le caratteristiche per restare in alto e per dimostrare che finalmente anche in Italia è possibile trovare band dalle caratteristiche internazionali. Adesso però godiamoci insieme il bellissimo video del brano “Why don’t you love me”.