#Venezia74, tutte le anticipazioni sul Festival del Cinema

20170810-084608-31568340.jpg

Nasce a Milano qualche anno fa. Usa la scrittura come antidoto alla sua misantropia, con risultati alterni. Ama l’onestà intellettuale sopra ogni altra cosa, anche se non sempre riesce a praticarla.

E’ iniziato il conto alla rovescia per la 74esima edizione della Mostra del cinema di Venezia che parità il prossimo 30 agosto. Fino al nove di settembre la città veneta si trasformerà in una piccola succursale di Hollywood, ma anche di ogni città al mondo, dove la settima arte viene creata. Molti i titoli attesi da pubblico e critica: dal nuovo film di George Clooney, Suburbicon (scritto dai fratelli Coen) a Downsizing di Alexander Payne . Il film è una commedia di fantascienza con un cast di prim’ordine del quale fanno parte Chris Waltz e Matt Damon ed è stato scelto come film d’apertura per il concorso al Lido.
Importante e ricca la sezione ufficiale vede registi di caratura internazionale quali Guillermo Del Toro e Darren Aronosky , presenti rispettivamente con The Shape of Water e l’attesissimo horror Mother.
Una selezione di film in lizza per il Leone d’oro che può contare, per quest’edizione, su una folta rappresentanza italiana. Sono ben quattro i titoli in gara per il nostro paese: Paolo Virzì con The leisure seeker , suo primo film americano con protagonisti Donald Sutherland e Hellen Mirren ; Sebastiano Riso presenterà Una famiglia, con protagonista Micaela Ramazzotti.
Oltre a loro, attesi i Manetti Bros con il musical in salsa partenopea Amore e Malavita e per finire Andrea Pollaoro e il suo Hannah che vede Charlotte Rampling nel ruolo principale. Una selezione di talenti e idee del Belpaese che potranno dire la loro durate la competizione.
Particolarmente ricca anche la sezione dei “fuori concorso” che vedrà, tra gli altri, le proiezioni di Victoria e Abdul, l’ultimo lavoro di Stephen Fears, oltre al carcerario Cell block 99 del regista Craig Zahler. Leone d’oro alla carriera atteso per la coppia Robert Redford e Jane Fonda, protagonisti al festival con il film Our souls at night diretto dall’indiano Rithesh Batra.
Com’è stato per gli Oscar e Cannes, la piattaforma Netflix sbarcherà anche al lido, con la serie Wormwood, una ricostruzione della guerra fredda stile documetary. Da segnalare anche la presentazione delle prime due puntate di Suburra, serie tv tratta dal film. Prodotta anch’essa da Netflix e diretta da Michele Placido, si annuncia come uno degli appuntamenti televisivi della prossima stagione. Da ricordare che per la prima volta il festival avrà un padrino, l’attore Alessandro Borghi che è anche uno dei protagonisti della serie prodotta dalla piattaforma digitale. Non resta che aspettare il 30 agosto per gustare, fino al 9 settembre, questa carrellata di pellicole da tutto il mondo. Una mostra sempre più attenta allo sviluppo delle nuove tecnologie che quest’anno inaugurerà una sezione dedicata alla realtà virtuale. Presidente di giuria sarà l’attrice Annette Bening, chiamata a dirigere una rappresentanza di personalità della settima arte tra le quale figura anche Jasmine Trinca.

I Film in concorso

Human Flow – Ai Weiwei
Mother! – Darren Aronofsky
Suburbicon – George Clooney
The shape of water – Guillermo Del Toro
L’insulte – Ziad Doueiri
La villa – Robert Guédiguian
Lean on Pete – Andrew Haigh
Mektoub, My Love: Canto Uno – Abdellatif Kechich
The Third Murder – Koreeda Hirokazu
Jusqu’à la garde – Xavier Legrand
Ammore e Malavita – Manetti Bros
Foxtrot – Samuel Maoz
Three billboards outside Ebbing, Missouri – Martin McDonagh
Hannah – Andrea Palladoro
Downsizing – Alexander Payne
Angels Wear White – Vivian Qu
Una famiglia – Sebastiano Riso
First Reformed – Paul Schrader
Sweet Country – Warwick Thornton
The Leisure Seeker – Paolo Virzì
Ex Libris – The New York Public Library – Frederick Wiseman