La chimica della bellezza: quando la scienza diventa una commedia agrodolce

noteverticali.it_piersandro_pallavicini_la_chimica_della_bellezza_feltrinelli_3_foto_alessandro_levati

Lavora con le immagini e le parole, si nutre di musica e di sapere, condivide le sue passioni ed il loro valore.

noteverticali.it_piersandro_pallavicini_la_chimica_della_bellezza_feltrinelli_3

Dalla penna di Piersandro Pallavicini un romanzo curioso e diivertente, che affascina il lettore, grazie anche all’uso di una scrittura fluida e chiara

Provate ad immaginare una sera di ottobre, come sfondo le sponde del lago Maggiore, la bellezza autunnale con i suoi colori, ed all’improvviso la quiete verrà interrotta dal rombo di una Jaguar E-Type che, dopo un lungo viaggio da Milano alla Svizzera, fermerà la sua corsa nello spiazzale di un albergo stile retrò, che a breve ospiterà un convegno.
Dalla macchina scenderanno un docente universitario, un ultracentenario ed un bassotto fonofobico e mordace.
Questo è l’incipit del nuovo romanzo di Piersandro PallaviciniLa chimica della bellezza” (Feltrinelli), che ci presenta l’io narrante nella persona di Massimo Galbiati, professore di chimica in un Università di provincia, ligio al dovere ed agli affetti familiari, solitario ed orgoglioso. Accanto a lui, Virginio de Raitner, il “Magister” venerato ed osannato da tutti i colleghi del Dipartimento nonostante sia da trent’anni in pensione.

Una convocazione a sorpresa darà il via a tutto il racconto. Galbiati spera di dover far solo l’autista e di accompagnare de Raitner a Locarno, si, ma a far cosa?  Un convegno?  Ma l’ultracentenario cosa centra? Ma è l’ospite d’onore! Massimo si troverà tra premi Nobel e scienziati più noti riuniti in gran segreto, ma resta ancora il mistero del perchè della sua presenza.

 

noteverticali.it_piersandro_pallavicini_la_chimica_della_bellezza_feltrinelli_3_foto_alessandro_levatiLa chimica della bellezza” è un libro divertente, curioso che saprà affascinare il lettore, grazie anche all’uso di una scrittura fluida e chiara, nonostante le molte citazioni scientifiche presenti nel racconto. Una commedia dal gusto agrodolce, che ci regalerà un bellissimo finale a sorpresa.
Un romanzo la cui lettura scorre leggera, che è consigliato sia agli addetti ai lavori e appassionati di chimica, sia a coloro che, incuriositi dal tema, vorranno comprendere il vero senso della vita per uno scienziato.