Quattro tazze di tempesta: Federica Brunini racconta l’amicizia al femminile

NoteVerticali.it_Federica_Brunini

Idealista e visionario, forse un pazzo, forse un poeta, ama l'arte come la vita, con disincanto, sogno e poesia...

Quattro tazze di tempesta_NAR ric.inddSiamo in un piccolo paesino del Sud della Francia, La Calmette, un nome, una garanzia. Qui vive Viola, un tempo modella affermata, oggi alla soglia dei quarant’anni, e vedova da circa tre anni. A farle compagnia, la cagnetta Chai e miscele di tè provenienti da ogni parte del mondo, che Viola distribuisce nel suo negozio dopo attenta selezione, individuando per ciascun cliente la giusta linea. Tazze, infusi, ed emozioni che si rincorrono declinandosi in centilitri di speranza aromatizzata a seconda delle necessità ed esigenze, dal tè levapaura a quello anti-malinconia.

Arriva il suo compleanno, e come ogni volta è l’occasione per Viola per ritrovare le sue amiche storiche, che la protagonista della storia ospita a casa sua per un rendez-vous a base di chiacchiere, relax, bagni di sole e riflessioni al profumo di lavanda. Stavolta però sembra essere diverso, perchè dietro i sorrisi di facciata e la presunta allegria, si nasconde l’inquietudine legata alle esistenze di ciascuna che non sembrano virare per il verso giusto.C’è Mavi alle prese con l’inaspettato tradimento del marito, Chantal che soffre per la propria esistenza da single, e Alberta intenta a fare i conti con la propria reale identità. a ciò si aggiunge la stessa Viola, inaspettatamente inquieta e intenta a confrontarsi ancora, dopo tre anni, con la morte del marito, avvenuta in un incidente stradale rimasto ancora oscuro. Sarà l’occasione per le tre amiche per tracciare un nuovo bilancio delle proprie esistenze e metterle a confronto con sogni e speranze della propria gioventù.

Con uno stile leggero e frizzante, ma mai banale, Federica Brunini traccia un ritratto a quattro colori (rosso, verde, nero, bianco) che si lega alle cromature delle diverse miscele di tè, offrendo un romanzo intenso e delicato al tempo stesso, che indaga sull’inconscio delle protagoniste per offrire un quadro generazionale che declina l’amicizia a quattro voci scavando inevitabilmente nell’io del lettore. Un romanzo che ci fa riscoprire lo stile della Brunini, scrittrice ma anche giornalista, fotografa, instancabile viaggiatrice e, soprattutto, curiosa del mondo e delle sue declinazioni.

Federica Brunini, Quattro tazze di tempesta, 208 pagine, 14 Euro, Feltrinelli Editore, in libreria dal 14 aprile 2016.