A Pasquale Squitieri il premio alla carriera dell’Ischia Film Festival 2015

NoteVerticali.it_Pasquale Squitieri

NoteVerticali.it_Pasquale SquitieriE’ Pasquale Squitieri la personalità di spicco nel mondo del cinema che riceverà il premio alla carriera della tredicesima edizione dell’Ischia Film Festival. La manifestazione, la cui edizione 2015 è in programma dal 27 Giugno al 4 Luglio prossimi presso il Castello Aragonese dell’incantevole centro campano, vuole premiare ancora una volta le opere audiovisive, i registi, i direttori della fotografia e gli scenografi che hanno maggiormente valorizzato le location italiane ed internazionali sottolineandone i paesaggi e l’identità culturale.

Squitieri, famoso per aver diretto pellicole scomode quali “Camorra“, “Il pentito” e “Corleone“, che spesso hanno riscontrato i favori del pubblico ma qualche mal di pancia dalla critica cosiddetta ‘allineata’, è l’ultimo nome in ordine di tempo di una lunga serie di personaggi (Sir Ken Adam, Vittorio Storaro, Krzysztof Zanussi, Giuliano Montaldo, Abel Ferrara, Pupi Avati, Jean Sorel, Abbas Kiarostami e Amos Gitai) premiati in passato nel corso dell’Ischia Film Festival.
L’edizione 2015 della manifestazione ideata da Michelangelo Messina prevede in tutto ben 109 proiezioni di opere provenienti da 39 diversi paesi del mondo, capaci di valorizzare e promuovere le tradizioni, la realtà storica, i paesaggi e le peculiarità di territori scelti per la narrazione filmica o documentaristica. Ad arricchire le serate, incontri con registi e attori, da Laura Bispuri, a Edoardo De Angelis a Lillo Petrolo, Francesco Paolantoni, Enrico Lo Verso, Amiel Cayo e Giacomo Rizzo, oltre ad altri nomi che saranno annunciati nei prossimi giorni.
Il premio alla carriera sarò consegnato a Pasquale Squitieri nel corso della serata del 3 Luglio

NoteVerticali.it_Francesco RosiL’Ischia Film Festival 2015 sarà anche occasione di ricordo e tributo per due grandi protagonisti del cinema italiano purtroppo scomparsi: da Francesco Rosi, omaggiato con la proiezione de “Le mani sulla città” e un incontro con Adriano Pintaldi, a Mario Monicelli (già membro del comitato d’onore del festival) nel centenario della sua nascita, che verrà ricordato con la proiezione di due suoi film, “Proibito” e “Le rose del deserto”.
Durante la kermesse vi è inoltre una sezione mercato con la ‘Borsa Internazionale delle Location e del Cineturismo’, occasione di incontro tra il mondo del cinema e quello del turismo e il ‘Convegno internazionale sul Cineturismo’, che vedrà la partecipazione dei massimi rappresentanti del mondo del cinema correlato al marketing territoriale. A completare il ricco programma la mostra fotografica “Villeggiatura e vacanze nel cinema italiano (1949 – 2011)’ a cura di Antonio Maraldi.