Al via la stagione 2017/2018 della Scala di Milano

NoteVerticali.it_Riccardo_Chailly_Teatro_alla_scala

Curiosa e appassionata di tutto ciò che arricchisce il cuore delle persone, mi immergo nell’arte, nella musica e nei libri. In ordine casuale amo il profumo del caffè, il rumore della pioggia, guardare film, leggere l’oroscopo…

 

Il 7 dicembre si aprirà la stagione 2017/2018 al Teatro alla Scala di Milano con un ricco cartellone di quindici titoli d’opera.

Ad aprire la nuova stagione è l’opera lirica “Andrea Chénier” di Umberto Giordano che rimarrà in programma fino al mese di gennaio 2018.

Guidata dalla bacchetta del maestro Riccardo Chailly con la regia di Mario Martone, “Andrea Chénier”, fu messa in scena per la prima volta alla Scala nel 1896 e non più riproposta dal 1985.

La celebre opera è ambientata in Francia durante la rivoluzione francese e racconta la vita personale del poeta Andrea Chénier, stroncata in seguito a un processo che lo dichiarò colpevole di atti contro lo stato francese e punito ghigliottinato.

La scelta di aprire la nuova stagione con questo capolavoro non è casuale, infatti, nell’anno nuovo ricorreranno la celebrazione dei centocinquanta anni dalla nascita del compositore Umberto Giordano e i quarant’anni di attività del direttore musicale alla Scala, Riccardo Chailly.

Opera amatissima dai milanesi, essa è molto vicina al pubblico per le tematiche affrontate e perché “La modernità di Giordano oltre che nei temi sta nel linguaggio musicale e nella scrittura sinfonica. La ragione per cui quest’opera è amata non è solo la bellezza delle sue melodie così popolari, ma dalla scrittura sinfonica” ha affermato Chailly in una recente intervista.

Mario del Monaco nell’Andrea Chénier di Umberto Giordano alla Scala di Milano (1955)