Bellissimo così, le nuove sonorità di Nicola Battisti

NoteVerticali.it_Nicola_Battisti

Palermitana di origini asiatiche. Amore per il cinema, le istantanee e le storie. Scrive per dar voce alle sue passioni e vivere la vita è la sua aspirazione più grande. “Carpe diem” il suo motto.

A tre anni dal primo album, il cantante veronese si ripresenta con un nuovo disco che unisce l’elettronica alla melodia 

NoteVerticali.it_Nicola_BattistiAnticipato dall’uscita dell’EP La mia vita nuova, Bellissimo così presenta un Nicola Battisti rinnovato e intraprendente, con la voglia di cambiare e abbracciare nuovi sound. Senza abbandonare la sua caratteristica cantautoriale e la voce pulita, la musica subisce uno stravolgimento, che indica la volontà dell’artista di evolvere e spingersi oltre. Spostando il sound dall’acustico, che si mantiene genuino solo in una delle otto tracce che compongono l’album, appunto La mia vita nuova, la direzione si rivolge più al pop-elettronico e all’R&B. Questo accade anche grazie al rapporto sinergico instaurato con i produttori Nicola e Mirko Tommasi e con il sound designer Jacopo Gobber, già firma per Valerio Scanu e Alessandra Amoroso, che ha introdotto quel tocco geniale e a tratti surreale di elettronica che inaugura un nuovo capitolo nella storia musicale di Nicola Battisti.

Si sperimenta e ci si mette quindi alla prova con le sonorità che si avvicinano parecchio a ciò che di più internazionale c’è in questo momento nel panorama musicale, il tutto condito dalle parole. Temi come l’amore, i sogni, la vita, tracciano la mappa di un viaggio musicale e sentimentale non privo di sorprese e inevitabili interrogativi. Brani come la titletrack, Festa e Liberala, accompagnati da basi elettroniche che trasmettono giovialità e ritmo festoso, si alternano a episodi come appunto La mia vita nuova che sembra fungere da anello di congiunzione tra ciò che l’artista era e ciò che intende essere e sperimentare. Un album fresco e ben bilanciato da un sound orecchiabile, con la voce pulita di Battisti che conferisce al lavoro nel suo complesso un’italianità che però può essere senz’altro internazionalizzabile.

L’album sarà disponibile dall’1 aprile, ma in anteprima è possibile acquistarlo presso i concerti e dal 25 marzo sul sito di Cabezon Records.