Carosello italiano: riflessioni sulla nostra identità nazionale

NoteVerticali.it_Carosello_Italiano_2_foto_LePera

Siciliana DOC, laureata in Comunicazione, non riesce a staccarsi da Roma nonostante tutte le contraddizioni e i problemi. Ama l'arte in tutte le forme espressive e adora leggere. E' alla ricerca di un po' di equilibrio

Ovvero: cosa vuol dire essere italiani? Uno spettacolo-riflessione in scena al Teatro Argentina di Roma

NoteVerticali.it_Carosello_Italiano_2_foto_LePeraPer celebrare la Festa della Repubblica Italiana, i ragazzi del Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli, diretti da Roberto Gandini, portano in scena al Teatro Argentina uno spettacolo- riflessione sul senso di appartenenza al nostro Paese e sul concetto di Italianità. Cosa significa “essere italiani”, che percezione abbiamo di noi stessi, della nostra cultura, delle nostre radici e come ci vedono dall’esterno “gli altri”, gli “stranieri”?

Carosello Italiano- ovvero cosa vuol dire sentirsi italiani? racconta 70 anni di storia italiana, anni di impegno, di passioni, di ideali, di lotte, di vittorie e sconfitte, contrasti e sofferenze. Una storia raccontata attraverso le vicende dell’Eneide, metafora del viaggio e della ricerca di sé, sia in quanto singoli sia in quanto nazione, che consente di riflettere su quegli aspetti della nostra cultura che ci accomunano agli altri popoli: l’emigrazione e l’immigrazione. Enea è l’emblema dello straniero in fuga dalla guerra, che superate terribili difficoltà riesce a fondare una civiltà nuova.

“Delle tante vicende dell’Eneide abbiamo scelto quelle a cavallo fra il V e il VI libro e cioè la morte di Palinuro e la discesa nell’Ade. Quel Palinuro che scivola sul fondo del mare da un “barcone”, ci sembrava attuale, ci sembrava parlasse di oggi…” spiega il regista Roberto Gandini.

L’idea dello spettacolo nasce dalla volontà d’interrogarsi sulla nostra identità nazionale e culturale alla luce degli eventi di cronaca attuali: i profughi, le tragedie in mare, la guerra, la paura del terrorismo. E di indagare a fondo sul senso e la pregnanza che le parole Nazione, Popolo, Accoglienza, Integrazione, Rispetto reciproco assumono in questo contesto.

NoteVerticali.it_Carosello_Italiano_3_foto_LePeraUna riflessione che ha portato a spiegare e cogliere il significato d’Italianità non tanto a partire da un prospettiva interna cioè da quei tratti distintivi che fanno di noi un popolo, quanto da una prospettiva esterna ed estera, dal punto di vista dello straniero, attraverso le idee e i preconcetti che all’estero hanno sui di noi. “Partendo dalle osservazioni di Carlos e Melissa, due ragazzi del Laboratorio i cui genitori non sono nati in Italia, proprio attraverso il loro modo di vedere un po’ distaccato, abbiamo trovato le idee per lo spettacolo.”

Il Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli, un progetto nato nel 1994, promosso dal Teatro di Roma, è considerato uno dei più importanti programmi di integrazione e socializzazione che ha inaugurato una nuova prospettiva nel campo della sperimentazione teatrale, mostrando le potenzialità performative dei giovani con disabilità e non. Con i suoi allestimenti, adattabili agli spazi più diversi e non solamente teatrali, la piccola compagnia diffonde lo spirito gioioso del “Pietro Grabrielli” non solo nelle scuole di ogni ordine e grado di Roma ma anche sui palcoscenici dei maggiori teatri italiani ed esteri.

 

INFO TEATRO DI ROMA – Teatro Argentina -Largo di torre Argentina, 52 Roma

Biglietteria Teatro di Roma: tel. 06.684.000.314/311 –  www.teatrodiroma.net
Giovedì 2 giugno ore 21-I Venerdì 3 e Sabato 4 giugno ore 10.30 – Domenica 5 giugno ore 19

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria
tel. 06.58333672  |  laboratoriogabrielli@teatrodiroma.net

 

CAROSELLO ITALIANO ovvero cosa vuol dire sentirsi italiani?, drammaturgia di Attilio Maragon, regia Roberto Gandini, scena Paolo Ferrari, costumi Loredana Maria Spadoni, musiche Roberto Gori ,