Exit: a Cosenza deviazioni in arte e musica

img_9857.jpg

Idealista e visionario, forse un pazzo, forse un poeta, ama l'arte come la vita, con disincanto, sogno e poesia...

Roberto Cacciapaglia ed Edoardo Leo protagonisti della nuova edizione della rassegna in scena al Castello Normanno Svevo

Evasione dalla quotidianità e apertura del cuore alle emozioni più intime e vere. Si riaccendono le luci su “Exit. Deviazioni in arte e musica”, la rassegna che aveva brillantemente esordito nel 2017 esaltando il Castello Normanno Svevo di Cosenza come ideale location d’eccellenza sotto le stelle d’estate.

Due gli appuntamenti previsti per l’edizione di quest’anno. Si parte il 14 giugno con Roberto Cacciapaglia, pianista eccellente e noto ai palcoscenici di tutto il mondo, unico nell’innestare nuove sonorità elettroniche nel solco della tradizione classica. Quella cosentina sarà una delle tappe – la seconda al Sud Italia – del tour internazionale “Quarto tempo“, che ne sta consolidando la fama sui palcoscenici del globo. L’autore di “Wild side”, nota al grande pubblico come la Musica dell’Albero, nella maestosa cerimonia dell’Expo di Milano, e fondatore dell’Educational Music Academy, saprà senz’altro emozionare il suo pubblico che non vede l’ora di ascoltare le composizioni tratte da “Angelus Rock” (1992), “Arcana” (2001), “Tempus Fugit” (2003) e “Incontri con l’anima” (2005).

Non meno atteso, ne siamo sicuri, sarà il secondo appuntamento della rassegna, il 12 luglio. Protagonista sarà Edoardo Leo in “Ti racconto una storia. Letture semiserie e tragicomiche“, un reading letterario volto a omaggiare l’aneddoto. Italo Calvino, Gabriel Garcia Marquez, ma anche Umberto Eco, Francesco Piccolo, Stefano Benni e altri tra scrittori e musicisti – celebri e non – saliranno idealmente sul proscenio grazie alla vis recitativa di Leo che ne rievocherà frasi o canzoni. Un viaggio tra ricordi letterari e musicali esposti con leggerezza e originalità.

Exit è organizzata da Piano B, progetto che conferma la propria vocazione: valorizzare i beni culturali e naturali del territorio in cui opera.