Foxhound e Psycopathic Romantics, live al Cabina 56

NoteVerticali.it_Foxhound

NoteVerticali.it_FoxhoundSesto appuntamento con il festival di musica indipendente Cabina 56. Sabato 25 luglio presso la Rena nera beach, si esibiranno i torinesi Foxhoundquattro ragazzi di diciannove anni, Filippo, Riccardo, Luca e Lorenzo. Questi giovani ragazzi non amano le etichette ma per descrivere se stessi ne utilizzano una definendosi musicisti stranieri con cittadinanza italiana. Nell’estate del 2012 i Foxhound partecipano a gran parte dei festival più importanti in Italia tra i quali il Traffic Festival, Spaziale Festival, No fest e il MI AMI. Nello stesso anno, la band suona anche nello storico locale salentino “Babilonia”. A settembre del 2012 sono scelti da MTV New Generation per esibirsi al teatro Masini di Faenza nell’ambito del MEI. In quell’occasione vincono la Targa Giovani Supersound come Miglior Gruppo del 2012. Nei mesi di ottobre/novembre 2012, i Foxhound sono artisti del mese su MTV con il singolo Criticize you in rotazione sul canale musicale. A novembre 2012 li ritroviamo sulle pagine di Vogue Uomo fotografati da Elisabetta Claudio e intervistati da Simone Tempia. A dicembre dello stesso anno vengono segnalati da Enrico Brizzi su GQ come band imperdibile del 2012. Nel 2013 il loro album Concordia è distribuito a livello internazionale dalla storica Rough Trade. Se dovessimo circoscrivere il sound di questa giovane band ad un genere, sicuramente sarebbe il post punk ma l’originalità di questi quattro ragazzi torinesi, non può essere limitata a semplici definizioni. Non ci resta quindi che ascoltarli sabato.

NoteVerticali.it_Psycopathic Romantics_1Ad aprire il concerto saranno i campani Psycopathic romantics, il cui leader Dust è in realtà italo-americano perché si è artisticamente formato nel Connecticut. Solo nel 2005 si trasferisce nuovamente in Italia e fonda la band insieme ai campani Vincenzo Tancredi, Augusto De Cesare e Filippo Santoiemma. La fusione culturale tra i membri, è la spiegazione alle continue contaminazioni tra sonorità d’oltreoceano e melodie mediterranee. Nel 2007 la band autoproduce il primo lavoro discografico, Altered Education, cui segue nel 2010 Pretty Prizes, sempre autoprodotto. In questi primi lavori prevale un sound psichedelico e parecchio ruvido, indubbiamente molto particolare. Dopo questi primi lavori, Dust si dedica con particolare passione alla chitarra acustica,e di fatto asseconda le proprie doti di cantautore. Questo porta ad una forte maturazione del sound al quale si uniscono sonorità folk e ritmi variegati. Questo cambiamento di stile porta ad un EP omonimo del 2014, come sempre autoprodotto e composto da 7 brani che uniscono le sonorità psichedeliche dei primi tempi, a strutture più regolari.

Dal vivo il sound elettrico e psichedelico dei primi anni cede il passo a sonorità più essenziali, in cui la batteria è ridotta solo alla grancassa e a qualche piccola percussione e le chitarre elettriche sono sostituite da strumenti acustici come mandolino e bouzouki, o da altri meno consueti come toy piano o harmonium indiano. A marzo 2015 gli “Psycopathic romantics” firmano con l’etichetta Freakhouse Record con cui ad aprile pubblicano il  nuovo album Bread and Circuses che è anche il titolo del primo singolo estratto, il cui videoclip è uscito il 26 marzo. A seguire, imperdibile è anche il dj set di Dilis + The Menty Manuel Nisi. Il costo del biglietto è di 5 euro, un prezzo irrisorio per vedere live due delle più promettenti band emergenti del panorama indie.