Francofonia, tra arte e guerra il nuovo film di Sokurov a Venezia

NoteVerticali.it_Francofonia_2

NoteVerticali.it_Francofonia_2Dopo aver conquistato Venezia nel 2011 con il suo Faust, trasposizione cinematografica di uno dei capolavori della letteratura mondiale, il regista russo Aleksandr Sokurov torna a calcare la scena de la kermesse cinematografica con “Francofonia”.

Il film, uno dei più attesi tra quelli presenti in concorso per l’edizione di quest’anno, si preannuncia già come un nuovo capolavoro . Presentato come un film sull’arte, sul suo valore e l’importanza nel preservarla, “Francofonia” intreccia eventi storici e finzione ambientando il tutto nelle stanze e nei corridoi del Louvre. Qui, in pieno periodo nazista, due uomini sono incaricati di decidere le sorti delle opere del museo. Nel frattempo, appaiono Marianne e Napoleone, due simboli francesi, a fargli compagnia. Co-prodotto dal museo del Louvre, il film verrà distribuito in Italia, dopo l’uscita veneziana, da Academy Two.

NoteVerticali.it_Francofonia_1