“Il prigioniero della seconda strada” al Teatro dell’Angelo di Roma

NoteVerticali.it_Il Prigioniero della Seconda Strada_Teatro dell Angelo_2

NoteVerticali.it_Il Prigioniero della Seconda Strada_Teatro dell Angelo_2Correva l’anno 1975 quando Melvin Frank portava sul grande schermo “The Prisoner of Second Avenue”  di Neil Simon, con i premi Oscar Jack Lemmon e Anne Bancroft. Il film racconta la storia di un licenziamento, quello di Mel Edison che in una giornata afosa viene allontanato dalla fabbrica dove lavorava da anni. Il suo selfcontrol inizia a vacillare portandolo alla depressione fino ad un attacco di nervi scatenandosi contro tutto e tutti, ricavandone una secchiata d’acqua da un vicino spazientito. La sua reazione sfocerà in una serie di episodi alquanto sopra le righe come picchiare, dopo averlo inseguito, un giovane ladro, in realtà un semplice passante, togliendogli anche il portafoglio.

A distanza di 40 anni il regista Fabio Galadini porta in scena un testo di estrema attualità per la classe media investita dall’ondata della crisi economica del XXI secolo attualizzandolo nella scena contemporanea italiana. Lo spettacolo, che vede tra gli interpreti Veronique Vergari, Loris De Luna, Alessandra Allegrini, Simona Meola, Paola Calliari e con la partecipazione di Riccardo Barbera, sarà in scena al Teatro dell’Angelo di Roma dal 5 al 17 Maggio con le musiche di Giovanni di Cosimo.

NoteVerticali.it_Il Prigioniero della Seconda Strada_Teatro dell Angelo_1