La magia delle Muse, in scena l’alta moda di Puglia

NoteVerticali_Moda Puglia_La magia delle muse_3

NoteVerticali_Moda Puglia_La magia delle muse_3Specchi, antichi affreschi, stucchi dorati di stile classico e liberty, esempio di art decò sono l’ambiente del prestigioso foyer del Teatro Petruzzelli. Il tempio barese della lirica, per il secondo anno ospita “La Magia delle Muse” il Galà Fashion Show”, evento  che apre le porte di maggio con l’eleganza e la raffinatezza degli abiti creati da artisti di alto livello.

Sabato 2 maggio il Circolo Unione presieduto da Giacomo Tomasicchio, in collaborazione con la prestigiosa agenzia di moda di Carmen Martorana hanno organizzato l’evento che per l’interesse suscitato risulta essere oramai un punto di riferimento nel panorama della moda pugliese.

NoteVerticali.it_Moda Puglia_Magia delle muse_4Le note sensuali del tango hanno introdotto la soirèe. L’inizio ha lasciato il pubblico senza parole travolto dal ritmo del tango grazie ai ballerini del “dance team”. A seguire, l’entrata in passerella delle creazioni del grande stilista Carlo Alberto Terranova. Le sue creazioni sono inspirate ad una donna che ama sobrietà e dettaglio e che veste abiti di taglio medio orientale. Il suo cavallo di battaglia? L’abito “Tatoo”, tulle color carne rivestito da disegni che danno l’effetto del Tatuaggio. A Terranova abbiamo chiesto: “Della sua Sicilia ha trasfuso qualcosa nei suoi abiti? Ecco cosa ci ha risposto: “Io ho fatto una collezione, ispirata al barocco siciliano ma interpretata attraverso lo stile Sarli: sobrio essenziale, pulito. Ho utilizzato i forti contrasti cromatici che si trovano nelle ceramiche di Caltagirone. L’abito Tatoo è stato indossato innanzi alla corte inglese  e molto apprezzato perché l’impronta è quella dell’alta sartoria italiana ed il cucito è perfetto.

All’indirizzo di saluto dell’ideatore della manifestazione Roberto Guarducci il pubblico ha tributato un caloroso applauso. Il Maestro di moda per oltre un ventennio nella maison di Fendi ha curato la direzione artistica dell’evento. La novità di questa edizione è stata l’attribuzione del premio “Musa dell’anno” che, per il 2015 e’ stato conferito alla giornalista Daniela Mazzacane di Telenorba a motivo della promozione dei giovani talenti pugliesi nei diversi settori produttivi ed in particolare modo in quello della moda.

NoteVerticali.it_Moda Puglia_Magia delle muse_1A seguire 15 modelle hanno dato vita agli abiti della collezione della prestigiosa scuola di moda Sitam di Lecce, l’istituto d’eccellenza presente sulla scena da oltre 40 anni, che conserva il patrimonio culturale della moda del Made in Italy. La collezione  presentata é stata già  protagonista di una importante vetrina Berlinese, ed ha imposto il capospalla femminile con largo impiego di tessuti damascati ornati da accessori realizzati con tecniche nuovissime, brevetti di ultima generazione quali: LECTRA in Fashion Design CAD e Modellistica e Prototipia Industriale 3D che consente la realizzazione di accessori con impiego di materiali a basso impatto ambientale.

Ultimo ma non ultimo è stato il défilée di Mimmo Burdi, una passerella che – è proprio il caso di dirlo – “luccicava” grazie alle luci emesse da splendide creazioni di gemme e diamanti. Veri “pezzi unici”, che per tanti aspetti ricordano il meglio della antichissima arte orafa della Puglia. Ospiti della serata i musicisti di +39 Ensemble, tutti Maestri pugliesi del Conservatorio che si sono esibiti in arrangiamenti di famosi pezzi barocchi. Subito dopo l’ incursione artistica del tanghero Nico Maldari

L’organizzazione dell’evento è stata affidata alla Carmen Martorana Eventi, prestigiosa agenzia di moda e vero punto di riferimento per il territorio grazie al suo marchio Top Fashion Model, che firma ormai da anni i successi dei suoi eventi anche grazie al sodalizio professionale con lo stilista Roberto Guarducci e vera eccellenza dello stile italiano. Insomma, nulla da eccepire su sintonia del contesto, organizzazione, qualità e contenuti della manifestazione, che lasciano una traccia culturale non solo come merito ma anche come metodo di lavoro per un approccio di classe alla moda di Puglia.