Mirò, a Mantova una mostra che ne celebra il genio creativo

Mirò_NoteVerticali.it

MOSTRE:IL GENIO MIRO',80 CAPOLAVORI MAI VISTI IN ITALIA‘L’arte popolare mi commuove sempre. Sorprende ed è ricca di possibilità’. Lo affermava Joan Mirò. Al grande artista catalano è dedicata la mostra “Joan Mirò. L’impulso creativo” che raccoglie ben 130 pezzi della sua collezione, e che sarà ospitata a Mantova dal 25 novembre al 6 aprile prossimi. Olii, ma non solo: arazzi, terrecotte, bronzi e disegni, per un excursus artistico che copre oltre trent’anni, dal 1966 al 1989. L’iniziativa, che avrà luogo al Palazzo Te, è realizzata in collaborazione con Fundació Pilar i Joan Miró di Palma di Maiorca e col Sole 24Ore. Prevista all’inaugurazione la presenza della curatrice Elvira Cámara López, nonché del sindaco di Palma di Maiorca, Mateo Isern, e del nipote dell’artista, Joan Punye.

Quattro le diverse aree tematiche in cui sarà suddivisa la mostra: il gesto e la grafica, la forza espressiva del nero, il trattamento del fondo come punto di partenza creativo, e la sperimentazione materica. Una esplorazione a tutto tondo che consente di esplorare il percorso artistico di un genio del Novecento, colui che Jacques Prevert definì “un innocente col sorriso sulle labbra che passeggia nel giardino dei suoi sogni”.

Interessante rilevare che alle opere saranno aggiunte lungo il percorso espositivo la ricostruzione degli Studi Sert e Son Boter, i luoghi in cui l’artista catalano creò i suoi capolavori, corredati degli oggetti, i pennelli e gli strumenti che Miró adoperava durante le sue creazioni, perfettamente conservati fino ai nostri giorni grazie all’opera della Fundaciò.