Progetto More: al via Focus Calabria, full immersion teatrale a Cosenza

noteverticali.it_conferenza-stampa-more_-focus_calabria_3

Idealista e visionario, forse un pazzo, forse un poeta, ama l'arte come la vita, con disincanto, sogno e poesia...

noteverticali.it_more_-focus_calabriaNuova stagione per il Progetto More, esperienza ideata e diretta dalla compagnia Scena Verticale che dal 2012 porta a Cosenza le migliori espressioni del panorama teatrale italiano contemporaneo, e che da sempre è impegnata a valorizzare le eccellenze artistiche calabresi: basti pensare che nel solo 2016 la compagnia di Dario De Luca, Saverio La Ruina e Settimio Pisano ha già ospitato e sostenuto 15 diverse compagnie regionali. E ancora ai talenti calabresi è dedicata l’edizione autunnale del tutto inedita del More, che per l’occasione traslocherà dalla storica sede del Teatro Morelli alla splendida cornice del Castello Svevo. Si chiama Focus Calabria il progetto dedicato a compagnie e artisti provenienti da tutta la Calabria ma anche ad artisti calabresi residenti fuori regione. Non più singole date a cadenza periodica, ma una vera e propria full immersion festivaliera, che si declinerà in tre giorni, dal 21 al 23 ottobre prossimi: un intenso weekend che vedrà succedersi spettacoli, performance, studi, letture sceniche e incontri, e, non ultime, attività di conviviale socializzazione.

L’apertura della rassegna sarà affidata allo spettacolo itinerante La città e il desiderio, un percorso interattivo sensoriale alla scoperta della propria città interiore, a cura di Confine Incerto e Conimieiocchi, un vero ‘cantiere aperto’ finalizzato alla formazione di un gruppo di ricerca artistica sul linguaggio dei sensi e sul teatro in spazi non convenzionali. Vedremo poi Manolo Muoio con Rock Oedipus (prodotto da Teatro Rossosimona), nel quale l’attore cosentino sarà accompagnato dalla Stratocaster di Luca Pietramala in un viaggio alla deriva fra teatro, rock e performance. Un deposito perduto di testi, memorie e oggetti-feticcio, precipitato in “piccolo-privato-perverso” immaginario rock.

noteverticali.it_conferenza-stampa-more_-focus_calabria_3Sarà poi la volta di Ernesto Orrico e Massimo Garritano con La mia idea. Memoria di Joe Zangara, vicenda emblematica che parte dal racconto in prima persona dell’emigrante calabrese giustiziato per aver attentato alla vita del presidente Roosevelt per allargarsi e far luce sulle storie di un’umanità dolente accomunata dall’emigrazione.

E ancora, Saverio Tavano porterà in scena Formiche, sul tema della solitudine e dell’alienazione umana, mentre Teatro della Maruca, presenterà in prima nazionale Il servo di Amleto, indagine sul passaggio da un’epoca all’altra in cui il teatro di prosa si incontra con l’arcaico teatro di figura. Vedremo anche Nino Racco in scena con Opera aperta – in memoriam Rocco Gatto, dedicata al mugnaio della provincia reggina vittima della ‘ndrangheta. Proseguendo, Scena Nuda presenterà Un vecchio gioco, spettacolo che indaga nella innata natura dell’uomo, per definizione violento. Un gioco delirante sull’ordinarietà del male, in cui un mondo quotidiano si alterna a uno visionario e da incubo. Un puzzle di cui il pubblico è chiamato a rimettere insieme i pezzi. In chiusura di rassegna, la Compagnia Arciere con la prima nazionale di Francesco e il Re, il testo di Vincenzo Ziccarelli messo in scena da Adriana Toman che illustra le vicende di S. Francesco di Paola Il alla corte del re Luigi XI di Francia.

More – Focus Calabria nasce in partenariato con il Comune di Cosenza, il MiBACT e la Regione Calabria. Da segnalare la presenza di un Osservatorio, composto da tre critici nazionali, Graziano Graziani (Radio3 Rai, Rai 5, minima&moralia), Sergio Lo Gatto (TeatroECritica) e Nicola Viesti (Hystrio), che offrirà un’importante occasione di confronto agli artisti, con incontri aperti al pubblico, allo scopo di stimolare occasioni di confronto tra la scena e la platea, per avvicinare la città al teatro e stimolare il percorso virtuoso di audience development.

In programma anche due work in progress: l’attore cosentino Francesco Aiello presenterà la lettura scenica L’incidente – Io sono già stato morto che ha come tema l’ipocondria, mentre Compagnia Ragli metterà in scena lo studio Tette – Mastoplastica alimentare, uno sguardo sull’attuale dimensione estetica del cibo, sempre più in ascesa.

(Nella foto, un momento della conferenza stampa tenutasi a Cosenza)