Sanremo 2015: Giovanni Caccamo è il Campione delle Nuove Proposte

NoteVerticali.it_Giovanni-Caccamo_Sanremo2015

NoteVerticali.it_Sanremo-2015-NesliAvanti senza indugio. Si parte spediti con la prima sfida. Amarah (Credo) vs Kutso (Elisa). Passano i secondi. Non c’è tempo da perdere. Altro giro, altra corsa. Giovanni Caccamo (Ritornerò da te) vs Enrico Nigiotti (Qualcosa da decidere): passa il primo. Finito il primo match, si passa allo spettacolo. Il gioco di luci e ombre dei Pilobolus che porta il pubblico in un viaggio virtuale tra Indios e disco music è tra le cose più belle viste finora all’Ariston. Mezz’ora dopo le 21 sale sul palco il primo big in gara. Tocca ad Annalisa rompere il ghiaccio con Una finestra tra le stelle. Look fresco ma, forse, più da giorno per la dolce Nali. Richiama molto Betty Boop l’outfit di Arisa che incassa i complimenti di Nesli (Buona fortuna amore, foto) in abito rosso shocking. Stile divinità dell’Olimpo, invece, per Emma. Decisamente rock il mood di Irene Grandi con un pezzo (Un vento senza nome) che più si ascolta e più convince. Molto, molto bello. Lo canteremo a lungo.

Fatti avanti amore: questo il brano di Nek. Reduce dalla vittoria del giorno prima con Se telefonando, l’uomo con gli occhi di ghiaccio non delude mai. Tra le meglio vestite di questa edizione del festival, Bianca Atzei in gara con Il solo al mondo non delude neanche stasera. Troppo casto ma, comunque, bello l’abito di Rocio Munez Morales. Smoking nero per il primo ospite della serata: il ct della Nazionale, Antonio Conte. Divisa da ufficiale per Biggio e Mandelli, sul palco, con Vita d’Inferno e cena tra alpini alle spalle.

Sempre più a suo agio, Arisa si conferma simpatica e gradevole. Al baciamano di Moreno (Oggi ti parlo così) risponde lamentandosi del fatto che tutti la baciano ma nessuno lo fa bene. Subito dopo arriva la Voce di Lara Fabian: peccato per le scarpe (non classificate). Molto ma molto meglio il look e l’esibizione di Ornella Vanoni, magistralmente imitata da Virginia Raffaele. Semplicemente straordinaria. Con il viso di Platinette stampato sulla t-shirt Mauro Coruzzi torna sul palco accanto a Grazia De Michele nel brano Io sono una finestra.  Meglio il brano del look, i guanti dell’insegnante di Amici in tinta con i capelli potevano restare chiusi nel cassetto dell’armadio. Pazienza. Molto più rilassato il Fragola di Sanremo. Lorenzo interpreta Siamo uguali più deciso e convinto rispetto alla prima serata. Spazio alla riflessione con Sammy Basso: la sua presenza all’Ariston è un esempio di forza e coraggio. Ci voleva!

NoteVerticali.it_AnnaTatangelo_Sanremo2015Dal Betty Boop al Morticia Addams style: Arisa stasera vuole sorprendere (?) con il look. Elegante in abito bustier con un filo di trucco la bellissima Anna Tatangelo (Libera, foto). Rocio-Stanlio (per l’accento sulle parole) torna sul palco. Presenta Il Volo (Grande amore). Il pubblico apprezza. Molto, moltissimo. C’è da dire che la voce del trio fa tremare l’Ariston per potenza ed intensità. Chapeau. E come rinunciare al selfie di Sanremo? Ci pensa Gabriele Cirilli. Che, purtroppo per lui, arriva la sera dopo Luca e Paolo. Confronto impossibile.

Fiera di sembrare una Dea greca, Emma sfoggia un secondo abito stile Olimpo. Se la cava, però, alla grande nella presentazione di Gianluca Grignani al festival con Sogni infranti. Non è da meno Arisa con Malika Ayane (Adesso e qui). Promossa anche Rocio che nell’annuncio dei Dear Jack (Il mondo esplode tranne noi) dimostra di aver fatto passi da gigante rispetto alla prima serata.

NoteVerticali.it_Giovanni-Caccamo_Sanremo2015Break per i campioni. La gara, ora, è solo tra i giovani: Kutso contro Caccamo.

Cinque minuti dopo la mezzanotte, Carlo Conti chiude il televoto. Il vincitore c’è. Basta solo annunciarlo. 5..4..3..2..1..0…stravince Giovanni Caccamo (foto) con Ritornerò da te. Il bel Giovanni porta a casa anche gli altri due premi: Critica e Sala Stampa. Un tris più che meritato.

E sa bene cosa vuol dire vincere Sanremo Giovani il campione in gara alle 00.14: è Marco Masini (Che giorno è). Spazio ad Elena Sofia Ricci che canta Donne di Zucchero e, poi, di nuovo gara con Nina Zilli (Sola). Ed ancora con Alex Britti (Un attimo importante) e Raf (Come una favola). Intermezzo esilarante di Virginia Raffaele nei panni di un’operatrice telefonica romana e svampita. Chiude la sfida Chiara (Straordinario). Bella la canzone, inquietanti le scarpe.

L’ora è tarda. Ma non troppo se sul palco arriva lui: la bandiera dell’Italia nel mondo. L’uomo con i capelli ribelli e le dita magiche. Giovanni Allevi, grazie. Il tuo Loving You riscalda i cuori di noi innamorati e riempie quello dei non innamorati. Maestro, thank you.

Dieci minuti dopo l’una, all’Ariston, si balla con The Advener Music. Degne di nota le incursioni di Rocco Tanica, sempre molto divertente.

Ci siamo. Arriva il verdetto. La corsa verso la finale finisce alla quarta puntata per Biggio&Mandelli (Vita d’inferno), Lara Fabian (Voce), Raf (Come una favola) e Anna Tatangelo (Libera).