Tre giorni di “Tagad’off”: festival lombardo per la nuova drammaturgia

NoteVerticali.it_TAGADOFF-Terra-di-Rosa-Tiziana-Vaccaro-1_bassa

NoteVerticali.it_TAGADOFF-Terra-di-Rosa-Tiziana-Vaccaro-1_bassaSi tratta della quinta edizione di “Tagad’off”, organizzato dalla Residenza Teatrale Ilinxarium, che vedrà l’allestimento di cinque spettacoli in luoghi diversi: l’Auditorium “De André” a Inzago, il Piccolo Teatro della Martesana a Cassina de’ Pecchi, l’Associazione “Esco” c/o Dopolavoro a Cassano d’Adda, e la stessa Ilinxarium. Tutti gli spettacoli, particolarità del Festival, sono prodotti da giovani compagnie lombarde: i membri non superano i trentacinque anni e sono nate da meno tre anni.

Oltre a queste, ci saranno anche tre compagnie teatrali milanesi: Coperte Strette, Fenice dei Rifiuti e Frigoproduzioni. Si esibirà poi una compagnia bresciana, Servo Muto Teatro, oltre che Tiziana Vaccaro.

Le cinque compagnie protagoniste di Tagad’off sono le vincitrici, tra una trentina di partecipanti, del concorso tenutosi tra febbraio e aprile scorsi. Il direttore artistico, Nicolas Ceruti, si pone l’obiettivo di dare spazio a nuove produzioni e a nuovi attori in modo costruttivo e promettente.

Motivo per il quale, tra queste cinque compagnie ci sarà una sola vincitrice che otterrà il contributo di 1.000 Euro per produrre un proprio spettacolo presso la stessa Ilinxarium.