Un Giubileo dissacrante sul web con il Camerlengo

NoteVerticali.it_Il Camerlengo

NoteVerticali.it_Logo IL CAMERLENGOForte, ironico, a tratti quasi blasfemo, Il Camerlengo Walter è un cardinale alle prese con i preparativi per il Giubileo, ma si trova a combattere diverse strane vicissitudini. Si imbatte nei ricatti da parte di una donna, da parte di un napoletano tatuato un po’ sulle righe, e viene riempito di beffe addirittura da uomini che si fingono di essere altri. Il Camerlengo è sempre accompagnato da una guardia svizzera, sempre con lui per la sua sicurezza, ma più che guardia del corpo si trasforma in un vero e proprio schiavo: gli massaggia i piedi mentre gli fa da consigliere, si fa insultare, prendere a parolacce e come non bastasse si fa sbeffeggiare come nulla fosse.

Musica molto allegra, quasi rock, contrasta volutamente con tutto il contesto del Vaticano e della Chiesa, ma del resto come tutti gli elementi della serie. Dieci puntate all’insegna dello stravolgimento dei clichè religiosi e dei comportamenti studiati a tavolino di questo contesto del tutto impostato e pieno di regole. Luis Molteni è Il Camerlengo affiancato da professionisti come Andrea De Rosa, Marianna Di Martino, Josafat Vagni, Francesco Arienzo e Paolo Fosso.

L’inconsueta webserie nei grandi intoppi quotidiani dell’Italia, è distribuita da Goofie.eu, la piattaforma prodotta dall’inedito gruppo formato da Nicolas Vaporidis, Matteo Branciamore e Primo Reggiani, sul web dal 10 dicembre.

Abbiamo scelto questo nome per indicare una direzione uguale e contraria all’entertaiment (regular) a cui siamo abituati”, ha dichiarato Nicolas Vaporidis. Goofie è sia il nome di Pippo della Disney, sia nel surf e nello snowboard è usato per indicare la posizione del piede sulla tavola, come opposti al regular. La piattaforma intende dare spazio alle produzioni indipendenti, con sguardo particolare al cinema, serie italiane e straniere di qualità. 

NoteVerticali.it_Il Camerlengo