Beasts of no nation: Cary Fukunaga confeziona un film coraggioso

NoteVerticali.it_Beasts_of_no_nation_1

Si parla di guerra nella nuova pellicola del regista di ‘True Detective’ distribuita da Netflix

NoteVerticali.it_Beasts_of_no_nation_1Agu, giovane ometto di casa, trascorre la sua vita tranquilla e pacifica assieme alla sua famiglia e ai suoi coetanei. Si diverte con gli altri bambini a cercare vecchi attrezzi per poi rivenderli alla gente di paese, a fare scherzi verso suo fratello maggiore e a ridere insieme al padre e alla madre. La pace viene interrotta improvvisamente dalla guerra civile della sua stessa nazione, che lo porterà via dai suoi cari e da tutto ciò che aveva. Gli viene tolta la libertà, la famiglia e l’amore, in cambio di armi, cibo a volontà e il potere di servire il Comandante, un omone gande e grosso che afferra qualsiasi cosa senza scrupoli.

Cary Fukunaga si innamorò del romanzo da cui la sua opera è tratta durante il periodo universitario. Dalle precise inquadrature che richiamano, con tatto e senza volgarità, gli orrori e il delirio psichico dovuto ad una guerra che di leggi non ne ha, ci viene data l’idea che il giovane regista già avesse tutto in mente. Dalla messa in scena al finale, Fukunaga si impegna nel mostrare – alla piccola fetta di pubblico che avrà occasione di vedere il suo film di difficile produzione – tutta la deliranza emotiva, carnale e psicologica nei confronti di una guerra che, senza mezzi termini, ha impegnato il suo nome nel reclutamento di giovani innocenti per trasformarli nei temuti bambini soldato.

NoteVerticali.it_Beasts_of_no_nation_3Prendendosi anche una pausa dallo snervante ritmo che la televisione gli ha offerto (ottima mossa la prima inquadratura che ha per angoli la cornice di una tv), il regista si addentra nelle scioccanti logiche della terribile guerra che devastò intere famiglie del continente nero per mezzo di immagini delicate, sensibili, tese a riprendere – da lontano ma anche da vicino – i giovani “innocenti colpevoli” e i loro deliranti atti di violenza. Tutti i reclutati, dai bambini ai più adulti, sono sotto gli ordini del Comandante (un ottimo Idris Elba). E’ lui ad avere il comando, è lui a dirigere la loro parte di guerra, ed è sempre lui ad assumere le vesti di un padre buono coi propri figli ma che li fa avanzare al suo posto verso l’inferno, approfittandosi della loro mente stanca, affamata di rabbia (ma in fondo anche di amore e libertà), completamente soggiogata dalle sue dicerie prive di fondamenta. Per lui (quindi per il mondo in cui vivono), i ragazzi sono solo animali che devono ubbidire agli ordini (suoi o dei suoi stessi superiori), e il regista ci mostra tutto quanto regalandoci atmosfere cupe, sinistre, a volte vuote (come le menti dei soldati), a volte immerse negli enormi spazi verdi della giungla (in mezzo ai quali vediamo questi minuscoli corpi che si fanno spazio a colpi di proiettili e violenza).  

NoteVerticali.it_Beasts_of_no_nation_2Con una fare quasi documentaristico (notevole l’enorme studio verso i dettagli), la pellicola si prende tutto il tempo per raccontarci non una, ma più storie riguardo una tematica delicata – quella della guerra – che altri capolavori del cinema hanno saputo affrontare a modo loro; ma evidenziando soprattutto il drastico cambiamento psicologico di Agu, prima bambino, poi uomo, poi soldato (“Io ho fatto la guerra. Sono vecchio“, dirà il protagonista durante il film). Una pellicola sulla guerra dunque riuscita, sia per la valenza delle meravigliose immagini fotografiche che le selettive cromature ci svelano esteticamente, sia per il coraggio di prendere con le pinze (o meglio, con la cinepresa) parte di storia del terzo mondo la cui crudeltà è ancora commentata in tutto il mondo. Merito di un efficiente cast tecnico ma soprattutto di un regista che, se prima ha incuriosito le critiche europee ed americane con Sin Nombre, ha poi interessato il pubblico del cinema di un tempo con Jane Eyre, e infine ne ha conquistato parte con la serie True Detective. Un regista che ancora una volta coglie nel segno confezionando questo piccolo film di guerra crudo ma profondo. E che avremmo voluto veder cimentarsi nella trasposizione cinematografica del best seller di Stephen King, IT (all’inizio affidata a Fukunaga), le cui atmosfere, non a caso, calcano alla perfezione tutta l’angoscia, la poetica, la freddezza, le tematiche (tra cui la perdita dell’infanzia e dell’innocenza) e la meraviglia visiva dello stile di questo giovane, promettente regista. Un vero peccato non avergli più concesso questa occasione d’oro.

 

BEASTS OF NO NATION – Il trailer

BEASTS OF NO NATION (USA, 2015, Guerra, 133’). Regia di Cary Fukunaga. Con Idris Elba, Abraham Attah, Kurt Egyiawan, Ama K. Abebrese. Distribuzione Netflix.