The Prodigy – Il figlio del male: l’horror imitativo senza pretese

NoteVerticali.it_The_Prodigy

Nasce a Milano qualche anno fa. Usa la scrittura come antidoto alla sua misantropia, con risultati alterni. Ama l’onestà intellettuale sopra ogni altra cosa, anche se non sempre riesce a praticarla.

Coppia di giovani perdigiorno decide di avere un figlio per dare uno scopo alle loro vite. Il bambino arriva, ma sembra la versione cattiva del Dottor Lecter misto alla protagonista de l’Esorcista. I due malcapitati faticheranno a rendere il bambino giudizioso. The Prodigy – Il figlio del male è l’ennesimo film d’orrore senza lode o infamia. Contenuto perfettamente nella canonica ora e mezza, non toglie nulla al genere riuscendo qua e là a creare un pizzico di inquietudine. La vicenda è la solita variazione sul tema del figlio malvagio che da anni si ripresenta in maniera regolare: questa volta il regista (Nicolas Mc Carthy) ha voluto infilarci un po’ di Esorcista per differenziare i soliti ingredienti.

Nonostante ciò, parlare male dei film che non hanno pretese è impossibile, la regia è decente e le recitazioni sono accettabili. Probabile che The Prodigy sia destinato al dimenticatoio nel giro di pochi giorni, ma quanti horror hanno fatto la storia del genere? Il piccolo Miles (Jason Robert Scott) sembra avere un rapporto simbiotico e di grande sentimento con la madre e il padre, dotato di un’intelligenza superiore precorre i tempi e sembra destinato a un futuro eccezionale. Di lì a poco, però, le cose cambieranno e quel bambino geniale rischierà di distruggere la sua famiglia.

Il regista ha una grande passione per il genere e si vede, il film ricalca gli stili classici del periodo d’oro (gli anni ’80). Forse latita un po’ in originalità, non necessariamente una colpa. Purtroppo lo sviluppo della storia è facilmente prevedibile e i colpi di scena, appena sufficienti, non riescono a tramortire né a spaventare lo spettatore pagante. Le discese nel seminterrato, gli schiaffi di ripresa sui volti, le luci spente e i cani che scompaiono funzionano, ma per riuscire a rimanere occorre aggiungere qualcosa di brillante, senza copiarlo da altre pellicole di successo.

THE PRODIGY – Il figlio del male (Usa 2019, Thriller, 92′). Regia di Nicholas McCarthy, con Jackson Robert Scott e Taylor Schilling. In sala dal 28 marzo 2019. Eagle Pictures.