Tutto può cambiare: romanticismo a suon di musica

NoteVerticali.it_Tutto può cambiare_scena

NoteVerticali.it_Tutto può cambiare_scenaSpesso la casualità di un incontro può rappresentare l’occasione utile per ravvivare un’esistenza e trasformarla in una quotidianità colorata.
È quanto emerge dal plot narrativo di ‘Tutto può cambiare‘, il nuovo film di John Carney con Keira Kneightley, Mark Ruffalo e Adam Levine. La pellicola, distribuita da Lucky Red, nelle sale italiane dal 16 ottobre, segna il debutto nel cinema per Levine, leader dei Maroon 5, una delle band più amate dai giovani.

Keira Kneightley e Adam Levine interpretano rispettivamente Greta e Dave: cresciuti insieme, e innamorati dai tempi del liceo, i due ragazzi coltivano da sempre la passione per la musica, scrivendo canzoni in cui proiettano emozioni e speranze.
NoteVerticali.it_Tutto può cambiare_scena 2La grande occasione arriva quando giungono a New York e Dave riceve una proposta commerciale che gli aprirebbe la strada a un futuro da star della musica. Dave ovviamente accetta, e viene proiettato nel firmamento del successo. Questa nuova situazione gli fa letteralmente perdere la testa, e finisce inevitabilmente per peggiorare il suo rapporto con Greta. Il legame va in crisi ma non é finita qui. Le cose cambiano ancora grazie a un incontro, quello di Greta con Dan (Mark Ruffalo), dirigente di un’etichetta musicale in disgrazia, che ascolta casualmente la ragazza restando subito colpito dal suo talento musicale. Sarà questo incontro a far cambiare strada ai personaggi, in una girandola di emozioni che sa senz’altro allietare il pubblico. Spinta da Dan, Greta riuscirà a registrare le canzoni del suo primo disco, sullo sfondo di una New York più ispirata che mai.
Un film semplice ma sincero, che sembra colpire per la naturalezza dei dialoghi e per la vitalità dei protagonisti. Un po’ come faceva ‘Once’, film del 2006 non a caso firmato dallo stesso regista con Glen Hansard e Markéta Irglovà.

Colonna sonora della pellicola, il brano ‘Lost stars‘ interpretato da Adam Levine nel trailer, e presente nel nuovo album dei Maroon 5, V, come bonus track della Deluxe Edition, e tutti i brani interpretati da Keira Kneightley.
Da segnalare il messaggio finale, con la scena nella quale la protagonista decide di distribuire il suo disco in modo indipendente sul Web, al prezzo di vendita di un dollaro. Una scelta che abbraccia una filosofia forte, quella di bypassare l’industria discografica per dar spazio a costi più abbordabili per la musica. Una strada già percorsa da alcuni artisti di rilievo sul mercato, tra cui, recentemente, come riportato anche da noi, Thom Yorke dei Radiohead.

Guarda il trailer di “Tutto può cambiare”