È tutto pronto sulla Croisette. Si parte con l’anteprima di Café Society, con Jesse Eisenberg e Kristen Stewart nel cast. 

NoteVerticali.it_Cannes_2016_1Al via l’edizione 2016 del Festival di Cannes, la 69esima, che si concluderà domenica 22 Maggio. Un’edizione blindata, che comincia all’insegna del problema sicurezza e della paura per i recenti episodi di terrorismo, ma che non mancherà come al solito di offrire una scorpacciata di film di alta qualità, a cominciare dal concorso ufficiale dove abbondano i grandi nomi, molti dei quali attesi nei prossimi giorni per la consueta parata di stelle sul red carpet.

Tra i film selezionati non ci sarà alcun italiano, ma d’altronde dopo ben tre titoli nostrani nel concorso dell’anno scorso non possiamo lamentarci. Il Belpaese sarà comunque rappresentato nella sezione Un certain régard da Pericle il nero di Stefano Mordini, con Riccardo Scamarcio protagonista. Nella Quinzaine des réalisateurs figurano poi altri tre autori italiani, Paolo Virzì con La pazza gioia, Claudio Giovannesi con Fiore e Marco Bellocchio con Fai bei sogni.

Tornando al concorso, tanti sono gli attesi ritorni, a cominciare dal cineasta danese Nicolas Winding Refn (The neon demon, in uscita in Italia l’8 giugno), Pedro Almodóvar (Julieta) e il sudcoreano Park Chan-Wook, che ritorna a girare in patria con The Handmaiden, dopo la parentesi americana di Stoker.

NoteVerticali.it_Woody_Allen_Cafe_Society_1
Woody Allen: il suo “Cafè Society” inaugura Cannes 2016

Grande attesa anche per i nuovi film di Xavier Dolan, Bruno Dumont, Olivier Assayas e i Dardenne tra gli autori di lingua francese, e per il romeno Mungiu e l’iraniano Farhadi, annunciato all’ultimo momento con The Salesman. Tra gli americani non mancano Sean Penn e Jeff Nichols, mentre un caso curioso è quello del re del cinema indipendente Jim Jarmusch, che parteciperà in contemporanea in due sezioni del Festival: sarà in concorso con il film Paterson, con Adam Driver, mentre presenterà nella sezione Séance de Minuit il documentario Gimme Danger, dedicato a Iggy Pop.

Presiede la giuria l’australiano George Miller, autore dell’evento cinematografico dell’anno scorso Mad Max, acclamato a Cannes e trionfatore agli Oscar. Con lui ci saranno anche la nostra Valeria Golino, l’americana Kirsten Dunst, la francese Vanessa Paradis, la produttrice iraniana Katayoon Shahabi, il regista ungherese László Nemes premiato l’anno scorso con il Grand Prix della giuria per Il figlio di Saul, il francese Arnaud Desplechin, l’attore danese Mads Mikkelsen e il canadese Donald Sutherland.

 

CANNES 2016: I FILM IN CONCORSO

Pedro Almodóvar, JULIETA (Spagna)
Luc e Jean-Pierre Dardenne, LA FILLE INCONNUE (Belgio)
Maren Ade, TONI ERDMANN (Germania, Austria)
Oliver Assayas, PERSONAL SHOPPER (Francia)
Andrea Arnold, AMERICAN HONEY (Regno Unito, Stati Uniti)
Xavier Dolan, JUSTE LA FIN DU MONDE (Canada)
Bruno Dumont, MA LOUTE (Germania, Francia)
Jim Jarmusch, PATERSON (Stati Uniti)
Alain Guiradie, RESTER VERTICAL (Francia)
Ken Loach, I, DANIEL BLAKE (Regno Unito, Francia)
Nicole Garcia, MAL DE PIERRES (Francia)
Kleber Mendonça Filho, AQUARIUS (Brasile)
Jeff Nichols, LOVING (Regno Unito, Stati Uniti)
Brillante Mendoza, MA’ ROSA (Filippine)
Cristian Mungiu, BACALAUREAT (Romania, Francia, Belgio)
Park Chan-Wook, THE HANDMAIDEN (Corea del Sud)
Sean Penn, THE LAST FACE (Stati Uniti)
Paul Verhoeven, ELLE (Francia, Germania, Belgio)
Cristi Puiu, SIERANEVADA (Romania, Francia, Bosnia Erzegovina, Repubblica di Macedonia, Croazia)
Nicolas Winding Refn, THE NEON DEMON (Danimarca, Francia, Stati Uniti)
Asghar Farhadi, THE SALESMAN (Iran)

 

I FILM FUORI CONCORSO

Woody Allen inaugurerà fuori concorso questa edizione di Cannes dunque, per la terza volta nella sua carriera (l’ultima nel 2011 con MIDNIGHT IN PARIS). Come spesso accade, i titoli che verranno presentati sulla Croisette fuori concorso sono tra quelli che fanno più parlare di sé, per lo meno dal punto di vista del glamour e dei divi che sfileranno sul tappeto rosso.

Oltre a CAFÉ SOCIETY, quest’anno Cannes ospiterà le anteprime di MONEY MONSTER – L’ALTRA FACCIA DEL DENARO di Jodie Foster, con George Clooney e Julia Roberts, THE NICE GUYS di Shane Black, con Russell Crowe e Ryan Gosling, THE WAILING del coreano Na Hong-Jin (regista di The Chaser e The Yellow Sea) e IL GGG – IL GRANDE GIGANTE GENTILE, la nuova pellicola firmata Steven Spielberg.

La locandina di Cannes 2016 è dedicata al film IL DISPREZZO di Jean-Luc Godard, richiamato dalla sagoma di Casa Malaparte, la villa che, nel 1963, funse da principale scenografia del film, e da quella di Michel Piccoli che sale le scale.

CANNES 2016: LE SEZIONI COLLATERALI

Séance de Minuit
Jim Jarmusch, GIMME DANGER (Stati Uniti)
Yeon Sang-ho, TRAIN TO BUSAN (Corea del Sud)
Jean-François Richet, BLOOD FATHER (Francia)
 

Séance Spéciale
Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan, L’ULTIMA SPIAGGIA (Grecia, Italia)
Mahamat-Saleh Haroun, HISSEIN HABRÉ, UNE TRAGÉDIE TCHADIENNE (Ciad)
Rithy Panh, EXILE (Cambogia)
Albert Serra, LA MORT DE LOUIS XIV (Spagna)
Paul Vecchiali, LE CANCRE (Francia)
Karim Dridi, CHOUF (Francia, Tunisia)
Jonathan Jakubowicz, HANDS OF STONE (Stati Uniti)
Grégoire Leprince-Ringuet, FOOL MOON (Francia)
Jonathan Littell, WRONG ELEMENTS (Francia, Belgio)
 

Un Certain Regard
Mohammed Diab, CLASH (Egitto, film d’apertura)
Benham Behzadi, INVERSION (Iran)
Boo Junfeng, APPRENTICE (Singapore)
Delphine Coulin e Muriel Coulin, VOIR DU PAYS (Francia)
Stéphanie Di Giusto, LA DANSEUSE (Francia)
Michael Dudok de Wit, THE RED TURTLE (Olanda)
Fukada Koji, HARMONIUM (Giappone)
Maha Haj, PERSONAL AFFAIRS (Israele)
Eran Kolirin, BEYOND THE MOUNTAINS AND HILLS (Israele)
Kore-Eda Hirokazu, AFTER THE STORM (Giappone)
Juho Kuosmanen, THE HAPPIEST DAY IN THE LIFE OF OLLI MÄKI (Finlandia)
Francisco Màrquez e Andrea Testa, THE LONG NIGHT OF FRANCISCO SANCTIS (Argentina)
Bogdan Mirica, DOGS (Romania)
Stefano Mordini, PERICLE IL NERO (Italia)
Michael O’Shea, THE TRANSFIGURATION (Stati Uniti)
Matt Ross, CAPTAIN FANTASTIC (Stati Uniti)
Kirill Serebrennikov, THE STUDENT (Russia)
David Mackenzie, HELL OR HIGH WATER (Stati Uniti)