I nostri inviati Paolo Quaglia e Theodore Polinski tracciano un bilancio semiserio dell’edizione 2018 degli Oscar.

[wpdevart_youtube]rK5jtY-eJ6E[/wpdevart_youtube]

Di Paolo Quaglia

Nasce a Milano qualche anno fa. Usa la scrittura come antidoto alla sua misantropia, con risultati alterni. Ama l’onestà intellettuale sopra ogni altra cosa, anche se non sempre riesce a praticarla.