Parroco di provincia riceve in eredità un bordello da suo zio. Don Simone è un prete che vorrebbe svecchiare la sua parrocchia avvicinando le nuove generazioni. I risultati tardano ad arrivare anche perché la sua “casa del Signore” è fatiscente a causa dei pochi finanziamenti della curia. Al prete non rimane altro che recarsi in Svizzera per un sopraluogo alla sua eredità. Giunto a destinazione, l’uomo dovrà decidere se accettare o no un lascito così atipico.

Il sesso degli angeli è il nuovo lavoro di Leonardo Pieraccioni in uscita al cinema. Commedia in stile anni sessanta, il film si presenta come un piacevole e usuale passatempo che viaggia nella comicità italiana della seconda metà del Novecento. A dispetto della sua usuale innocenza, Pieraccioni sceglie una riflessione morale che vira al moralismo senza infastidire lo spettatore. La vicenda si compone di una sequela di siparietti che giocano sul rapporto tra un curato e delle mestieranti. L’uomo, parzialmente innocente, fa il suo lavoro provando a salvare le ragazze da una scelta che non approva, ma allo stesso tempo viene indotto in una simpatica tentazione alla quale deve resistere.

Un prodotto senza alcuna pretesa che riesce a far sorridere attraverso dialoghi ben scritti anche se dal sapore conosciuto. Sabrina Ferilli, nel ruolo della maitresse, è caratterista capace che ben conosce le dinamiche della comicità. Massimo Ceccherini, nel ruolo di uno zio, è un ottimo improvvisatore nel creare personaggi memorabili. Pur non brillando, il film ha il pregio di riportare in vita la commedia standard che reggeva sul parlato comune anteponendo i desideri del suo pubblico di riferimento. La forza di Pieraccioni è di vivere i gusti del pubblico e di riprodurre sullo schermo una comicità a metà tra la televisione e una sala biliardi. Il sesso degli angeli riesce a far sorridere sintetizzando morale e moralismo ma senza darne una definizione precisa.

IL SESSO DEGLI ANGELI (Italia 2022, Commedia, 91′). Regia di Leonardo Pieraccioni. Con Leonardo Pieraccioni, Sabrina Ferilli, Marcello Fonte, Gabriela Giovanardi, Eva Moore, Massimo Ceccherini, Valentina Pegorer, Giulia Perulli. 01 Distribution. In sala dal 21 aprile 2022.

The following two tabs change content below.

Paolo Quaglia

Nasce a Milano qualche anno fa. Usa la scrittura come antidoto alla sua misantropia, con risultati alterni. Ama l’onestà intellettuale sopra ogni altra cosa, anche se non sempre riesce a praticarla.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: