Una fotografia in musica, scattata davanti al piano, immaginando una passeggiata lungo la città eterna, sognando da romantici innamorati. E’ quanto si respira in Lolita dei Parioli, nuovo singolo di Dodicianni in uscita giovedì 21 aprile per Nevada Inc. su distribuzione Believe Music.
Dopo Dicono che tu e Delacroix, Dodicianni (al secolo il cantautore, pianista, compositore e performer Andrea Cavallaro) torna con una ballad intensa, dolce e malinconica. Lolita dei Parioli racconta di una forte amicizia sviluppata tra le vie di una Roma malinconica dal sapore felliniano, tra il Tevere e Castel Sant’Angelo illuminato, tra i vicoli del centro e le ville dei Parioli. Un rapporto capace di lasciare un segno sull’anima, in modo pressoché indelebile.

Un brano curiosamente rimasto nel cassetto alcuni anni e ripreso oggi in una forma nuova grazie alla produzione di Lorenzo Donato che trasferisce al brano un arrangiamento elegante, in un pattern sonoro in cui si mescolano Antonello Venditti e Prince, Lorde e i Radiohead. E poi c’è lei, Roma, che fa da sfondo a un viaggio nella memoria attraversato da schegge di conversazioni passate: la voce parlata di una ragazza contribuisce a evocare ricordi che nel tempo sono ciclicamente tornati e ora assumono un sapore nuovo, dettato da un’assenza che si fa agrodolce e che ha paradossalmente elevato la bellezza della città a un livello superiore.
Ci sono persone che entrano velocemente nelle nostre vite, e con la stessa facilità ne escono”, aggiunge Dodicianni. “In questo breve lasso di tempo, però, condividono con noi i sogni, le preoccupazioni, la delusione per un padre che non si interessa poi così tanto e Alice pizza, la pizza bassa economica più buona di Roma. Sono momenti preziosi che, anche se all’interno di una bolla, vanno preservati, curati e, di tanto in tanto, ricordati”.
Ed è proprio questo che vuole fare Lolita dei Parioli: proteggere un ricordo, un sentimento, non permettergli di volare via o offuscarsi. E vederlo lì, per sempre, camminare tra le strade della Città Eterna.
Andrea Cavallaro, in arte Dodicianni, è un cantautore, pianista, compositore e artista veneto classe 1989. Creativo, poliedrico e dalle molte sfaccettature, coltiva la sua carriera anche nell’arte contemporanea, parallelamente alla musica. Il suo stile è caratterizzato da performance spesso d’impatto e provocatorie, riscontrando in pochi anni contatti e produzioni in molte gallerie e festival italiani ed europei. Tra le sue performance più note, “No Frame Portrait”, riproposta a Milano a luglio 2021. Ha collaborato, negli anni, con numerosi artisti e produttori, aprendo inoltre live per Thegiornalisti, Tiromancino, Vinicio Capossela, Calcutta, Wrongonyou e Lucio Corsi.
Nel 2021 è uscito il suo EP “Lettere dalla lunga notte”, anticipato dai singoli “Discoteche” e “Mio padre scrive per il giornale”. Il lavoro, frutto di un concept ben preciso, è stato registrato interamente in presa diretta, per un sound caldo e dalle sfumature notturne. Tra ottobre 2021 e febbraio 2022 escono rispettivamente Dicono che tu e Delacroix, due brani che segnano il passaggio a una nuova fase della carriera di Dodicianni, che punta ad approfondire nuovi mondi tematici e sonori, costruendo un immaginario sfaccettato e personale, internazionale e impattante.

LOLITA DEI PARIOLI – Dodicianni

Dove passi le notti
e fai attenzione
o lasci entrare ancora le persone
ti lavi ancora le mani
bene con il sapone
anche in mezzo alle dita
e falla finita

E com’è bella Roma
Com’è bella Roma
Se non ci sei tu
E com’è bella Roma
Com’è bella Roma
Da quando tu non ci sei più

Dove passi le notti
e i pomeriggi tristi
A volte lo cerchi, a volte resisti
chi poteva pensare
che avresti avuto i suoi occhi
e lo stesso modo stronzo di vestire
o che potesse finire

E com’è bella Roma
Com’è bella Roma
Se non ci sei tu
E com’è bella Roma
Com’è bella Roma
Da quando tu non ci sei più

E fuori si muore ancora
e forti i temporali
e noi restiamo fuori
Lolita dei Parioli
E nessuno ci vede,
ne ci potrà vedere ancora

E com’è bella Roma
Com’è bella Roma
Da quando tu non ci sei più

Testo e musica di Dodicianni
Prodotto da Lorenzo Donato
Registrato da Lorenzo Donato presso gli Arca Studios di Torino
Batteria registrata da Pietro Paroletti presso il Golden Years Studio di Roma
Dodicianni – voce, cori, piano, basso
Lorenzo Donato – synth, synth modulari, programming, chitarre
Danny Bronzini – chitarre
Alberto Paone – batteria
Mix di Lorenzo Donato presso gli Arca Studios di Torino
Mastering di Giovanni Versari presso La Maestà Studio di Tredozio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Available for Amazon Prime