Il cantautorato femminile degli ultimi tempi è caratterizzato da voci trasognate e dita carezzevoli con composizioni prettamente acustiche, a delineare una linea di congiunzione con suggestioni di natura celtica, pensando e ripensando i percorsi di confine tra Sinead O’Connor, Cat Power e la recentissima rivelazione Julien Baker. Voce calda e assorta, con “Not Even Happiness” (Basin Rock)  Julie Byrne in alcuni frangenti dà l’impressione di essersi fatta rapire dal vento, come nella esemplare Morning Dove.

 

JULIE BYRNE – SLEEPWALKER

 

NoteVerticali.it_Julie_Byrne_Not_Even_Happiness_cover

JULIE BYRNE – NOT EVEN HAPPINESS

(Trackilst)

  1. Follow My Voice
  2. Sleepwalker
  3. Melting Grid
  4. Natural Blue
  5. Interlude
  6. Morning Dove
  7. All the Land Glimmered Beneath
  8. Sea as It Glides
  9. I Live Now as a Singer

[amazon asin=B01N550XAO&template=add to cart]