Segretaria molto affascinante vive in una pensione con il marito uomo d’affari. Visti i continui viaggi di lavoro, la donna comincia a sospettare che il marito la tradisca. Nell’appartamento confinante al loro si trasferisce un giornalista romantico che vive la stessa situazione. La moglie dell’uomo lascia spesso il tetto coniugale per impegni inderogabili. Tra i due abbandonati comincia una frequentazione profonda che diventerà sentimento. L’amore tra i due è vissuto in maniera garbata e tale rimarrà viste le reciproche paure. A nulla basteranno le affinità e quel rapporto rimarrà un capolavoro vissuto solo in parte.

In the mood for love è il film che ha consacrato Wong Kar –wai come uno dei più grandi cineasti viventi. Il suo cinema evocativo parla delle misure con cui l’amore si manifesta e del tempo che affossa casualmente la concretezza di passioni destinate a rimanere ipotesi. Attraverso un impianto molto teatrale che unisce il cinema di Ozu a una sceneggiatura degna di Cechov, il regista sfiora la perfezione. Il racconto di emozioni condivise ma vissute con rispetto si mescola a una scenografia che esalta l’abilità dei protagonisti.

Una storia che tocca il cuore istillando un timore reverenziale nello spettatore , Kar wai porta il bene all’ennesima potenza facendo apprezzare più quello che si è consumato sul piano mentale. La fisicità è totalmente assente nelle vicende e per questo se ne sente maggiormente l’effetto nel ricordo. In the mood è un melodramma al contrario dove quello che non accade diventa eterno come il gesto finale del protagonista desideroso di tutelare il segreto più prezioso. Tony Leung, nel ruolo del giornalista, è un uomo che non riesce a smettere di rispettare il ricordo di una persona mancata, ma in grado di tirar fuori la sua parte migliore. Maggie Cheung è una moglie vecchio stile, siamo negli anni 60, combattuta tra la sua volontà di amare e quella tradizione che le impone una condotta granitica. Il suo sentimento rimarrà eternamente nel ricordo, come quello dell’uomo che è stato in grado di farla sentire serena. Un cinema insuperabile che solo Kar wai riesce a fare.

IN THE MOOD FOR LOVE (Cina 2000, Drammatico, 90′). Regia di Wong Kar-wai. Con Tony Chiu-Wai Leung, Maggie Cheung, Rebecca Pan, Lai Chen, Li Gong, Tung Cho ‘Joe’ Cheung. Tucker Film.

The following two tabs change content below.

Paolo Quaglia

Nasce a Milano qualche anno fa. Usa la scrittura come antidoto alla sua misantropia, con risultati alterni. Ama l’onestà intellettuale sopra ogni altra cosa, anche se non sempre riesce a praticarla.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: