Theeb, storia di formazione e integrazione tra oriente e occidente

NoteVerticali.it_Theeb_2

NoteVerticali.it_Theeb_2Nell’Arabia del 1916, controllata dall’Impero Ottomano ma occupata dai britannici in pieno conflitto mondiale, un ragazzino appartenente a una tribù beduina si ritroverà insieme al fratello maggiore ad accompagnare un giovane ufficiale inglese, intenzionato ad avventurarsi nel deserto per portare a termine una missione segretissima. Il viaggio si rivelerà ricco di insidie, e si trasformerà in un percorso di formazione e di ingresso nell’età adulta per il giovane protagonista.

L’aspetto che colpisce di più a prima vista di questo film, è che proviene da un Paese, la Giordania, che in passato ha partecipato solo una volta agli Oscar e che non ha assolutamente un’industria cinematografica sviluppata e una nomea a livello mondiale. Ma Theeb è una grossa coproduzione internazionale, si vede chiaramente che il budget a disposizione è alto, il trailer ce lo presenta come un film avventuroso, adrenalinico e ricco di pathos, che ricorda in qualcosa i vecchi kolossal d’avventura americani e britannici di una volta. Di sicuro è la miglior scelta che un Paese mediorientale possa fare per sperare di poter competere per una nomination agli Oscar. Non è sicuramente il favorito per la vittoria, ma si gioca le sue carte per un posto tra i magnifici cinque.

THEEB – Il trailer

Theeb (Giordania/Qatar/Emirati Arabi/Gran Bretagna, 2015, Drammatico, 100′). Regia di Naji Abu Nowar.